Poste italiane riapre i piccoli uffici chiusi per l’emergenza Coronavirus

1316

Capo di Leuca – «Ci hanno assicurato che a partire dopo Pasqua l’Ufficio postale di Santa Maria di Leuca sarà nuovamente aperto al pubblico nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì». È il consigliere comunale di Castrignano del Capo Roberto Calabrese a riferire la notizia dopo aver esposto alla direzione provinciale di Poste Italiane il disagio vissuto dai cittadini leucani.

La chiusura dell’ufficio nella marina, disposta a causa dell’emergenza sanitaria in atto, ha infatti creato molti disagi alla popolazione, soprattutto agli anziani, costretta a spostarsi a Castrignano per usufruire di un servizio essenziale. Le proteste erano state scatenate dalla Pro Loco, presieduta da Vincenzo Corina, che in una Pec indirizzata a Poste Italiane ha chiesto “la riapertura dell’ufficio, anche a giorni alternati”, oppure “la presenza di personale che potesse ricevere il cittadino per appuntamento” e contestualmente “la disponibilità alla consegna immediata della corrispondenza giacente presso l’Ufficio di Leuca”.

Le riaperture nelle frazioni di Tricase 

Dopo le festività pasquali apriranno, a giorni alterni anche gli uffici postali delle frazioni di Tricase: a Lucugnano per tre giorni a settimana (lunedì, mercoledì e venerdì) a Depressa solo il mercoledì.

C’è anche da ricordare che anche al fine di ridurre i disagi derivati dalla chiusura di alcuni uffici, Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro proprio i carabinieri. La prima signora a beneficiarne i provincia di Lecce è stata una 85enne di Felline (Alliste).