Peschereccio incagliato a Torre Pali (Salve), la Guardia costiera aspira 42 quintali di gasolio

438
Torre Pali

Torre Pali (Salve) –  Sono durate circa 9 ore le operazioni di recupero degli idrocarburi presenti a bordo del motopesca di circa 25 metri che, alle prime luci dell’alba di sabato 25 gennaio, si era incagliato nello specchio acqueo antistante Torre Pali (Salve).

L’intervento svoltosi ieri mattina è stato coordinato dal capo del Compartimento di Gallipoli della Guardia costiera, il capitano di vascello Enrico Macrì. A rendere complessa l’operazione, svoltasi a circa 150 metri dalla costa, ha concorso il fondale particolarmente basso nella zona.

Aspirati 42 quintali di gasolio

Le operazioni sono state anticipate da un sopralluogo effettuato nei giorni
scorsi dal personale specialistico della Guardia costiera e dai sommozzatori dei
Vigili del fuoco.

Alla fine è stato possibile recuperare in tutta sicurezza circa 42 quintali di gasolio e 700 litri di emulsione acqua-oli presenti a bordo. Il liquido aspirato dalle casse del peschereccio incagliato è stato poi travasato a bordo dell’unità “Ievoleco”, specializzata nel recupero di idrocarburi, di stanza nel porto di Otranto, della Società consortile Castalia, per il trasporto a smaltimento dei materiali liquidi inquinanti. Presso il locale centro di raccolta rifiuti sono state, inoltre, conferite tre batterie e due bombole del gas.

Superata questa fase, sono già in corso le valutazione tecniche ed amministrative finalizzate alla rimozione dell’intera unità navale rimasta incagliata.