Pescatore recuperato cadavere al largo di Santa Cesarea Terme: ipotesi suicidio

1912

Porto Miggiano (Santa Cesarea Terme) – È stato recuperato in mare, poche ore fa, al largo di Porto Miggiano (Santa Cesarea Terme) il cadavere di un pescatore 67enne (G. M. le sue iniziali). L’uomo, di Vignacastrisi (frazione di Ortelle), si era recato a pescare sulla scogliera adriatica, tra Porto Miggiano e Santa Cesarea Terme. Di lui, però, non si avevano notizie da alcune ore malgrado l’auto fosse parcheggiata nei pressi di Porto Miggiano e i suoi indumenti fossero sugli scogli.

A recuperare il corpo senza vita, a circa un miglio dalla costa, sono stati i vigili del fuoco intervenuti nelle ricerche con l’ausilio di un elicottero. Sul posto anche le unità del Nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco di Taranto, i carabinieri e le vedette della Guardia costiera.

Il cadavere è stato recuperato con l’elicottero e trasportato nel porticciolo di Castro. Resta da capire se l’uomo sia stato colto da un malore ovvero se possa essersi trattato di un suicidio. Questa mattina il mare il quel tratto di costa adriatica era calmo e, dunque, difficilmente l’uomo può essere stato travolto da un’onda. Sul caso sono in corso le indagini degli inquirenti.

Pubblicità
Pubblicità