Perché è stato smantellato il centro diabetologico di Casarano? Domani riunione: “Vogliamo avere una risposta”

3132

Casarano  – Perché il centro diabetologico di Casarano viene cancellato? Perché non sono stati valutati in maniera adeguata l numero degli utenti, ad un passo dal tetto massimo stabilito dalla Regione in una sua delibera, e l’alta specializzazione della équipe medica? Se lo chiedono quanti dal Sud Salento ed oltre si sono rivolti in questi anni al servizio ubicato preso il “Ferrari”, davanti alle decisioni della Regione che, dopo un anno di lavori di una commissione per razionalizzare la rete e la spesa, ha indicato nuovi punti di riferimento per i malati di diabete 1 che, per il Salento, diventano Lecce e Poggiardo.

In questi nuovi centri Casarano non c’è più. “Eppure per numeri e qualità – afferma Corrado Pino (foto) di Casarano, il portavoce degli assistiti – il centro di Casarano era praticamente di secondo livello. Adesso invece scopriamo che non è ritenuto neanche di primo livello”. Il servizio prestato, si fa notare, era efficace perché poteva prescrivere ed erogare apparecchiature tecnologiche per la cura e il controllo della malattia, come i microinfusori ed i sensori per la glicemia.

Cosa cambia per gli utenti Il quadro nuovo che si delinea davanti agli occhi di chi ha bisogno di queste cure cambia notevolmente. Adesso, i pazienti che hanno già “presidi tecnologici” addosso, dovranno rivolgersi, ad ogni scadenza, o a Taranto o a Brindisi. Va peggio per i bambini che devono impiantare questi dispositivi: per loro il viaggio è ancora più lungo, fino a Bari e Foggia, unici due centri in tutta la Regione.

Domani riunione presso il centro “Già oggi i medici devono mandare via quanti si rivolgono ancora a Casarano per i microinfusori”, sottolinea Pino, che continua a ripetersi la domanda che si fanno tutti gli altri: perché Casarano no? Per cercare di avere una risposta lui e gli altri assistiti si sono dati appuntamento per domani mattina alle 9 nel centro diabetologico casaranese, a difesa di un “centro punto di riferimento di tutto il comprensorio”.