Guido ApreaGALLIPOLI. Il commissario straordinario Guido Aprea (foto) ha stabilito la partecipazione dell’Amministrazione comunale al protocollo d’intesa promosso dall’Anci, un patto di collaborazione fattiva tra Comune di Gallipoli, Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate per rendere più efficaci i controlli contro gli evasori.
Verifiche incrociate, scambio di informazioni e segnalazioni più incisive consentiranno per i prossimi due anni (ma l’accordo è rinnovabile) di potenziare la lotta ai furbetti che eludono pagamenti di tasse e tributi e garantire il rispetto dell’equità fiscale nonché il recupero delle somme eventualmente non versate nelle casse comunali e statali. E questo aumenterà il potere di controllo soprattutto del Comune anche sull’annosa questione della evasione della tassa di soggiorno che nonostante la potenzialità ricettiva della “città bella” continua a impelagarsi nel mercato degli affitti in nero e dell’economia sommersa. Entrerà a regime infatti anche sul territorio gallipolino l’intesa trilaterale che discende direttamente dall’accordo siglato nel marzo scorso a Bari (nel solco di un’analoga iniziativa adottata su base nazionale) tra la Direzione regionale della Puglia dell’Agenzia delle Entrate, il comando regionale della Guardia di Finanza e l’Anci Puglia, che prevede la partecipazione dei Comuni pugliesi al contrasto dell’evasione fiscale ed all’accertamento tramite le “segnalazioni qualificate” relative a diversi ambiti. I Comuni che aderiscono all’intesa, attraverso apposite convenzioni, lavorano in sinergia con l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza segnalando, attraverso controlli e verifiche, comportamenti di evasione in vari ambiti che spaziano dal commercio all’urbanistica, dalle proprietà edilizie al patrimonio immobiliare e agli affitti non registrati.

Pubblicità

Commenta la notizia!