Parcheggi, ztl e pass, decoro e occupazione di aree pubbliche: a Gallipoli l’associazione Centro storico invoca più attenzione

1080

Gallipoli – Continua il dialogo tra l’associazione “Abitanti e amici del centro storico” e l’amministrazione comunale per la risoluzione delle problematiche che investono, soprattutto in estate, la città vecchia. Si è svolto martedì scorso, 18 giugno, l’ultimo incontro con il sindaco Stefano Minerva e l’assessore al Centro storico Biagio Palumbo in cui si sono discusse le questioni del transito ed il parcheggio nella Ztle altre criticità.

Sono state ribadite le richieste  dei cittadini per maggiori controlli sulle auto in sosta, sull’occupazione del  suolo pubblico e sull’ accensione di fuochi con materiale oleoso che deturpano le mura ed è emersa anche  la necessità di un incontro con il comandante della Polizia municipale.

Roberto Piro

«Questa richiesta – commenta il presidente dell’associazione Roberto Piro – deriva dalla convinzione che dopo il confronto con gli amministratori  e la parte politica il dialogo si deve ampliare anche con chi è deputato al controllo per capire quali azioni effettivamente saranno messe in atto».

 Durante la riunione inoltre è stato recepito il parere per ora negativo, per mancanza di tempi tecnici, alla richiesta di inserire due tipologie di pass per meglio veicolare il traffico e la sosta. L’associazione aveva infatti proposto l’adozione di pass di Tipo A che consentono transito e sosta e di tipo B solo per il transito. “

«Sulla questione parcheggi – si legge nella nota – si è preso atto che le proposte avanzate, seppur nella maggior parte condivise, non potranno trovare accoglimento nella presente stagione estiva, anche se è stata da  noi prospettata la possibilità, accolta con qualche riserva di ordine tecnico, di un’ordinanza sindacale urgente».

Sono stati però richiesti maggiori controlli sulle auto in sosta, spesso prive di pass, e la sistemazione della segnaletica, soprattutto per una maggiore visibilità di quella all’ingresso della Ztl. Particolare rilievo è stato dato all’urgenza dei controlli per l’occupazione del suolo pubblico per i quali è stata assicurata un’azione di controllo anche in orari straordinari. « Abbiamo segnalato gravissime violazioni e difformità delle occupazioni realizzate rispetto a quelle autorizzate – fanno sapere dall’associazione – dove spesso non viene garantito il diritto al transito in sicurezza dei pedoni, dove tende ed accessori vengono ancorati alle mura urbiche, dove elementi di arredo urbano sono stati letteralmente inglobati abusivamente e sottratti all’uso pubblico e dove ulteriore spazio destinato al parcheggio viene occupato da espositori, tavoli e frigoriferi».

Sull’accensione di fuochi con l’utilizzo di materiali oleosi, tipo citronelle, per i quali l’associazione  ha segnalato i danni arrecati al patrimonio monumentale della città ed i rischi per la sicurezza dei cittadini, il sindaco ha garantito che a breve verrà emessa un’ordinanza di divieto.