Parcheggi a pagamento a Casarano: tutto il centro diventa “blu”. Protestano automobilisti e commercianti

1371
Casarano – Casarano si tinge di blu a causa dell’allargamento delle zone di parcheggio a pagamento. Ormai non c’è strada o piazza del centro che non preveda l’obbligo del ticket per la sosta e praticamente ogni giorno gli automobilisti sono costretti a fare i conti con il restringimento degli stalli di sosta libera.
Per discutere della questione, l’associazione commercianti della città ha pure sollecitato un incontro con il neo eletto sindaco Ottavio De Nuzzo. Il sodalizio presieduto da Cristian Preite chiede la revisione dei parcheggi a pagamento ma anche interventi su decoro urbano, segnaletica, viabilità. sistemazione di marciapiedi e strisce pedonale e sul controllo della velocità tramite lo street control.

Le richieste dell’Associazione commercianti

“Blu” è diventata anche l’intera via Padova, una delle poche soluzioni rimaste agli automobilisti che si avventurano in centro alla ricerca di uno stallo libero. Paradossalmente, a protestare insieme agli automobilisti sono ora gli stessi commercianti che a lungo negli ultimi anni hanno chiesto la riattivazione dei parcheggi a pagamento (riattivati da un anno dopo una sospensione lunga quasi 5 anni) per favorire l’alternanza nella sosta. Con i parcheggi liberi praticamente inesistenti in centro, si è ora scatenata la caccia ai pochi stalli liberi nelle strade appena intorno, spesso strette, creando disagi agli stessi residenti.
La situazione che si è venuta a creare è conseguenza del riequilibrio tra tutti gli stalli presenti in città dopo aver cancellato le aree blu vicino all’ex tribunale di viale Stazione e  all’Agenzia delle entrate .