Parabita & Matino, il gruppo di lavoro vara il documento preliminare. A breve un comitato ufficiale ed iniziative pubbliche

3273

Matino – Si procede, con prudenza ed a piccoli passi sul percorso appena iniziato che porti, auspicabilmente per i promotori, alla fusione dei Comuni di Matino e Parabita. Il gruppo informale ha diffuso oggi un altro comunicato con cui indica le iniziative in cantiere e le  procedure garantite trasparenti.

Nella riunione tenutasi mercoledì 22 maggio scorso il gruppo di lavoro ha concordato di avviare le fasi per la costituzione formale del Comitato (che sarà aperto all’adesione di quanti interessati) secondo le disposizioni che regolano la materia e di cui sarà fornita ogni ulteriore e specifica informazione”, si legge nella nota a firma di Marcello Seclì di Parabita e Cosimo Mudoni di Matino, i quali specificano: “i firmatari del comunicato non compaiono in rappresentanza di altri organismi associativi di cui sono espressione”.

Il comitato informale Parabita & Matino o gruppo di lavoro che sia, intende adesso dare seguito all’adempimento delle fasi costitutive. Pur non avendo una veste giuridica, “al momento ha condiviso un Documento preliminare che prevede – dopo la definizione delle forme organizzative – l’attivazione delle iniziative di informazione, di dibattito e di approfondimento  dell’argomento”.

Pubblicità

Chiara e ribadita la prospettiva Ci si muove “nella prospettiva  di una feconda collaborazione tra le città di Parabita e Matino, tra cui la fusione tra le stesse, alla luce degli strumenti  normativi previsti in materia e di oggettivi e reciproci vantaggi che saranno individuati attraverso lo Studio di fattibilità previsto e finanziato dalla Regione Puglia”.

Non appena sarà costituito formalmente, il Comitato intercomunale Parabita & Matino procederà per organizzare una serie di incontri pubblici, “con l’ausilio di esperti e con il coinvolgimento degli enti locali, al fine di attivare un confronto sereno e più appropriato  rispetto al “dibattito” ed ad alcuni interventi che in questi giorni sono comparsi su facebook“.

 

Pubblicità