Parabita – Si è conclusa con un record di partecipanti (ben 188) la quinta edizione del Concorso musicale “Giuseppe Tricarico”, tenutasi nei giorni scorsi presso il teatro “Carducci”. L’iniziativa è stata organizzata dalla Pro loco di Parabita, in collaborazione con l’associazione gallipolina “Il musicante” presieduta dal maestro Enrico Tricarico e la Camerata musicale salentina.

Il concorso ha assegnato una borsa di studio per i vincitori assoluti e una pioggia di premi per altri partecipanti. Il primo posto, in ex aequo, è stato conquistato da Miryam Capuano (violino) di Noci, e Alberto Nardelli (fisarmonica) di Francavilla Fontana.

Tre i concerti premio, assegnati rispettivamente a Federico Pische (pianoforte) di Brindisi, che si esibirà presso la Steinway saal di Salisburgo; ad Alberto Nardelli, che sarà all’Accademia delle Arti di Tirana; e al duo composto da Andrea Carrozzo (sax) di Monteroni e Valeria Faisiello (pianoforte) di Galatina, che suoneranno presso la Camerata musicale salentina.

Pubblicità

Il premio della critica è andato ad Alberto Nardelli, mentre il premio per la miglior interpretazione è stato vinto da Marco Cornacchia (contrabbasso) e Simone Cassano (pianoforte).

La giuria, presieduta dal maestro Francesco Monopoli, già direttore del Conservatorio di Bari, è stata composta dai maestri Lara Escelsior, Elena Borlizzi, Maria Pina Solazzo, Patrizia Ferrari, Daniela Schirinzi, Giuseppe Lattante e Marilù Greco. Durante la settimana del concorso, i giurati sono stati Katia Torsello, Giovanna Serra, Lucia Esposito, Fulvio Palese, Alessandro Gazza, Antonio Ancora, Carlo Provenzano, Nicky Corrado, Daniele Vigna. La giuria della critica è invece composta da Guido De Salve, Giovanni Escelsior, Francesco Grasso e Tiziano Corrado.

Un grazie a tutti coloro che hanno contribuito al successo di quest’edizione – afferma il presidente del concorso, il maestro Enrico Tricarico – e in particolar modo ai partner Pro loco di Parabita e Camerata musicale salentina, a Cesario Stendardo, al presentatore Luigi Donateo e all’insostituibile direttore artistico Adalberto Protopapa. L’appuntamento è per il prossimo anno”.

Pubblicità

Commenta la notizia!