Otto positivi ogni cento test: è un caso o è la discesa? Contati anche altri 43 morti, due nel Leccese. Il programma vaccini per i malati oncologici

1010

Gallipoli – Se non è un caso, causato magari per trasferimento dati arretrati, è un gran sollievo. Dopo settimane in cui la Puglia ha viaggiato a due cifre in fatto di contagiati per ogni cento testati, oggi le lancette si sono fermate a un dato con una sola cifra: l’8%. E dopo settimane che la Puglia doppiava, se non triplicava addirittura, la percentuale nazionale (il 3 aprile si era al 15,7), eccola adesso seguirne il calo (in Italia ieri il 4%).

Sono gli effetti della zona rossa e delle chiusure totali durante le festività? Troppo presto per dirlo. Anche se il numero dei tamponi esaminati nelle ultime 24 ore è di tutto rispetto – 15.730 – con 1.255 nuovi contagiati: 400 in provincia di Bari, 157 a Brindisi, 119 nella Bat, 57 nel Foggiano, 193 a Lecce e 323 nel Tarantino. Sono ancora tanti i morti: 43 dei quali 18 nel Barese, 11 nel Foggiano, sette a Taranto; due nella provincia di Lecce.

193 altri contagiati nel Leccese

In attesa di altri riscontri, soprattutto sul versante dei decessi arrivati a 5.044 casi, il quadro generale si completa con 147.800 guariti, 2.297 ricoveri, 48.432 malati in isolamento fiduciario, 50.729 i positivi attualmente attivi.

Sul versante sempre più pressante dei vaccini, l’Asl Lecce ha avviato la vaccinazione dei pazienti oncologici nel reparto di Oncologia dell’Ospedale di Scorrano, in corso la vaccinazione a Casarano, Gallipoli e Lecce. Obiettivo prefissato: concludere le somministrazioni entro domenica.

“Entro sabato si conclude con gli 80enni”

Entro sabato si concluderà la vaccinazione dei pazienti trapiantati, dei pazienti dializzati e dei caregiver. La Asl Lecce inoltre accelera per concludere in tempi rapidi la vaccinazione degli over 80.

I cittadini over 80 del Distretto socio sanitario di Lecce che non hanno ancora ricevuto la prima dose potranno recarsi in base a un calendario organizzato per Comune di residenza e per iniziale del cognome in tre grandi hub: i residenti a Lecce, Surbo, Arnesano, Monteroni e San Pietro in Lama nella Caserma Zappalà; i residenti a San Cesario, Lequile, San Donato nel Museo Castromediano; i residenti a Cavallino e Lizzanello nella Casina Vernazza di Cavallino (info su http://rpu.gl/gxtjz ).