Ottavo Premio Maglio: i giornalisti vincitori, tra Unione europea, migrazioni e opere pubbliche inutilmente costose. Il 2 l’evento ad Alezio

Riconoscimenti ad Angela Buttiglione, Edoardo Winsperare, Us Lecce

673

Alezio – Va a Marco Brando il Premio giornalistico Antonio Maglio, ottava edizione: lo ha assegnato la giuria coordinata dal presidente onorario, on. Giacinto Urso. Il Premio alla carriera è stato assegnato alla giornalista Angela Buttiglione, uno dei volti storici dell’informazione della Rai, gallipolina di nascita.

Sono stati oltre cento i concorrenti al Premio “Antonio Maglio” 2019 ed anche per questo il lavoro dei giurati non è stato proprio agevole. Alla fine ha prevalso Marco Brando, giornalista genovese residente a Milano, con l’inchiesta sull’Europa “Meno male che siamo uniti. Dieci buone ragioni per non correre liberi e selvaggi”, pubblicata sul mensile “Millennium” di dicembre 2018.

Secondi classificati a pari merito la giornalista e fotografa freelance galatinese Ilaria Romano con il reportage sui migranti “Dentro e fuori dai ghetti, la vita dei braccianti della Capitanata” pubblicato sulla testata on line “Open Migration” il 30 ottobre 2018, e la giornalista tarantina Lucia J. Iaia, autrice dell’inchiesta sull’invaso incompiuto del Salento “Il Pappadai dello scandalo. Già spesi 250 milioni di euro per un’opera inutilizzabile” pubblicata sul “Nuovo Quotidiano di Puglia” il 17 giugno 2019.

Premi ed attestati saranno consegnati durante la manifestazione che si svolgerà come di consueto ad Alezio il 2 agosto a partire dalle 20,30 sul piazzale del Museo messapico, intitolato ad Antonio Maglio. Sarà presente il presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Carlo Verna.

Riconoscimenti speciali saranno conferiti al “Nuovo Quotidiano di Puglia” che lo scorso 6 giugno ha tagliato il traguardo dei primi 40 anni di vita, e all’emittente Telerama per i suoi 30 anni di attività.

Per la sezione Comunicare il Salento, riconoscimenti anche a due Eccellenze salentine che con la loro attività e i loro successi promuovono la conoscenza della nostra Terra a livello nazionale e internazionale: si tratta del Lecce Calcio,quest’anno approdato il serie A, e del regista Edoardo Winspeare, originario di Depressa di Tricase.

Come negli anni scorsi, alla cerimonia conclusiva parteciperanno anche Coldiretti Lecce e il Consorzio olio Dop di Terra d’Otranto: al centro dei loro interventi l’irrisolta emergenza Xylella e le ricadute negative sul territorio salentino, tra qualche speranza proveniente dal mondo scientifico e della ricerca.

Alla serata, promossa col patrocinio e la collaborazione dell’Amministrazione comunale aletina, è prevista la partecipazione del presidente della Provincia di Lecce, Stefano Minerva, e dei Sindaci del comprensorio gallipolino, per rimarcare gli inizi della carriera professionale di Maglio con uno sguardo curioso e stimolante ai tanti paesi della zona dell’arco jonico salentino.