“Otranto” va in tv con Eurogames, il nuovo “Giochi senza frontiere”. Nella squadra italiana atleti da Nardò, Galatone, Otranto e Seclì

10604

Otranto – Si chiama “Otranto” la squadra che questa sera difenderà i colori nazionali ad Eurogames, ovvero i “Giochi senza frontiere” degli anni 2000. La trasmissione, registrata nei giorni scorsi a Roma, va in onda questa sera alle 21 su Canale 5. Si tratta della tradizionale competizione a squadre tra nazioni, proposta ininterrottamente dal 1965 al 1982 e poi dal 1988 al 1999, con sfide divertenti e bizzarre nelle quali ogni nazione era rappresentata da una città diversa.

I salentini in gara

Per l’attuale Eurogames si sfidano Italia, Spagna, Russia, Grecia, Germania e Polonia. Della squadra salentina fanno parte i Toni Lisi, Sefora Scaglioso, Elvira Durante e Giorgia Lisi (tutti e quattro originari di Nardò), Antongiulio Cardinale (di Galatone), Anita Crisci (di Otranto), Luciano Rizzello (di Seclì), Giuliana Blasi (di Lecce), Mirko Culazzo e Riccardo Bigazzi (di Veglie) oltre a Maria Cielo Chirico (Grottaglie) e Francesco Ligorio (Brindisi).

Le selezioni lo scorso luglio a Torre San Giovanni di Ugento

La puntata è stata girata nei giorni scorsi negli studi di Cinecittà world. I partecipanti non anticipano nulla sull’esito finale ma garantiscono che le sfide sono state “particolarmente avvincenti”. A condurre il programma saranno Ilary Blasi e Alvin. Le selezioni in zona si sono svolte lo scorso luglio a Torre San Giovanni (marina di Ugento). Nel totale sono 5.300 i concorrenti per 30 squadre selezionate. I sei arbitri della competizione sono guidati dall’olimpionico Yury Chechi.

Pubblicità

I giochi

Tra i giochi fissi troviamo il classico Fil Rouge, il Pallodromo e il Muro dei campioni mentre le altre sei prove cambiano di puntata in puntata e, solo per una, le squadre possono scegliere di giocare il classico “jolly” per veder raddoppiato il punteggio ottenuto in quella sfida. Oltre a Otranto (scelta per la prima puntata) l’Italia sarà rappresentata anche da Folgaria, Catania, San Felice e Parma.

Pubblicità