Opere abusive nell’Area marina protetta: sequestro e denunce per il titolare di un locale

759

Sant’Isidoro (Nardò) – Opere e impianti abusivi in piena Area marina protetta e scattano sequestro e denunce a Sant’Isidoro (nel territorio di Nardò). L’intervento della Capitaneria di porto di Gallipoli e dell’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea ha portato al sequestro di locali e impianti per un totale di circa 300 metri quadrati all’interno di un’attività commerciale interessata da lavori di ristrutturazione. I militari hanno accertato come le opere in corso di realizzazione, ricadenti in un’area demaniale marittima dello Stato, data in concessione e sottoposta a vincolo paesaggistico, fossero prive del permesso di costruire e delle necessarie autorizzazioni demaniali e pure all’interno del territorio dell’Area Marina protetta di Porto Cesareo. I locali e gli impianti sono stati sottoposti a sequestro penale mentre il titolare della concessione demaniale, nonché amministratore dell’attività commerciale in questione, è stato denunciato all’Autorità giudiziaria per diverse ipotesi di reato.

Pubblicità