Nuovo direttivo per l’Unitre Nardò: alla guida sempre il presidente Giovanni Però

1506
Giovanni Però
Giovanni Però

Nardò – Unitre, l’università delle 3 età di Nardò, ha rinnovato il proprio Consiglio direttivo: l’assegnazione degli incarichi è avvenuta nel corso delle elezioni svoltesi nei giorni scorsi.

Alla guida dell’ente si riconferma il presidente Giovanni Però, con Pietro Barone vicepresidente e Silvana Muci vicepresidente vicario.

Le altre cariche

Del Consiglio direttivo fanno parte anche Gino Chiffi (tesoriere); Carmine Guagnano (segretario); Salvatore Siciliano (cassiere); Giuseppe Piccioli Resta (direttore dei corsi e dei laboratori); Valeria Dell’Atti (servizi scolastici, concorsi e biblioteca); Cosimo Esposito (servizi socio-sanitari e ambiente); Giuliana Lega (attività letterarie e scientifiche).

E ancora Maria Teresa Losavio (volontariato e accademia di umanità); Rosangela Marra (incontri culturali, musicali e artistici in sede); Marcello Pascalicchio (multimedialità, internet e propaganda on line); Chiara Pellegrino (attività teatrali e compagnia “E. Presicce”); Luigi Zuccaro (escursionismo, viaggi e turismo); Salvatore Pellegrino (revisore unico dei conti); Francesco Ingusci (presidente dei probiviri); Antonio Gioffreda (segretario probiviri) e Michele De Benedittis (consigliere dei probiviri).

Le dichiarazioni del presidente Però

Le tre età, giovane adulto e anziano, rappresentano l’evoluzione costante della vita – commenta il presidente di Unitre Nardò. – È un universo che da sempre ci lega negli affetti, nelle generazioni, nella dignità umana, nella diversità delle culture, nelle istituzioni sociali, nella solidarietà, nella cooperazione e nella libertà di vivere.

L’Unitre di Nardò, Università di umanità, – prosegue Però – è impreziosita dalla contemporanea presenza delle tre età che molto possono offrire come esperienza, saggezza, originalità, imprevedibilità, comunicazione, professionalità e vissuto innovativo. L’Unitre di Nardò, pertanto, invita calorosamente coloro che possono dare il meglio delle proprie esperienze, del proprio mondo culturale, artistico, professionale tecnico, a collaborare con l’associazione in un ampio coinvolgimento progettuale di vita che veda le tre età insieme, per viaggiare felici e in armonia”, conclude.