Specchia – Due nuovi arresti da parte dei carabinieri di Specchia nell’ambito dell’operazione antidroga “Short message” che il 26 novembre scorso aveva portato 30 soggetti in carcere e altri 11 ai domiciliari. Alla retata erano sfuggiti in due: nelle ultime ore è stato il 56enne Domenico De Francesco, dapprima resosi irreperibile, a consegnarsi spontaneamente ai carabinieri al suo rientro dalla Romania. Dopo le formalità di prassi in caserma è poi stato condotto nel carcere di Lecce. Sempre nell’ambito della stessa operazione, i carabinieri hanno tradotto in carcere anche il 40enne Massimiliano Petracca, già sottoposto ai domiciliari. La sua posizione si è aggravata perchè nel corso della perquisizione domiciliare condotto dai militari sono stati rinvenuti nella sua disponibilità circa 60 grammi di hashish e  altrettanti di marijuana.

La maxi operazione condotta dai carabinieri ha permesso di sgominare una capillare rete di rifornimento e di spaccio della droga in grado di controllare il mercato nell’intero Capo di Leuca. Due le associazioni che operavano sul territorio con centri di riferimento Tricase Tiggiano, la prima, e Taurisano e Corsano, la seconda. Cocaina, eroina, hashish e mariujana arrivavano nel basso Salento da Lecce (zona 167) e dai clan Dello Russo e Ficco di Terlizzi con rifornimenti dall’Albania.

Pubblicità

Commenta la notizia!