Nuove dimissioni e aria di crisi al Comune di Tricase. Otto consiglieri firmano una nota di sfiducia

831
Carlo Chiuri

Tricase– Nuovo scossone a Tricase nell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Chiuri. Alle dimissioni dell’assessore Lino Peluso dello scorso mercoledì fa ora seguito un duro attacco da parte dei gruppi di minoranza che parlano di “paralisi politico-amministrativa”.

La nota è sottoscritta dai consiglieri Fernando Dell’Abate, Nunzio Dell’Abate, Maria Assunta Panico, Alessandro Eremita, Vito Zocco, Federica Esposito, Dario Martina e Giuseppe Peluso. «Consiglio comunale deserto per l’assenza di una maggioranza. La seconda commissione Consiliare (Lavori pubblici ed Urbanistica) rinviata a data da destinarsi e le altre, presiedute dalla maggioranza, totalmente inattive»: queste, secondo i sottoscrittori, le prove dell’inerzia. Di fatto l’ultimo Consiglio comunale risale allo scorso 30 dicembre.

Le critiche dell’opposizione

Altre critiche circa le risorse stanziate dalla Regione per affrontare l’emergenza Coronavirus. «Mentre altri Comuni programmano e deliberano interventi per la ripresa delle attività economico-sociali il Sindaco non riesce neppure a spendere le risorse stanziate dalla Regione di euro 49.411,47 per le famiglie e per le attività produttive in difficoltà, ferme nelle casse comunali dal 16 aprile», fanno sapere dall’apposizione ricordando di aver proposto un pacchetto di provvedimento rimasto ignorato dalla maggioranza.

Quella di Chiuri viene indicata dalle minoranze come “amministrazione al capolinea”, che procede gravata dal peso di continue sfaldature e con lo stesso Sindaco indicato in corsa per le elezioni regionali. Nel giugno dello scorso anno Chiuri aveva “silurato” gli assessori Antonella Piccinni e Mario Turco successivamente, il 1 ottobre 2019, il presidente del Consiglio comunale Dario Martina aveva abbandonato la maggioranza seguito, a pochi giorni di distanza da Giuseppe Peluso e Federica  Esposito (a dicembre).

Le dimissioni di Chiuri

Lo stesso Chiuri, eletto nel 11 giugno 2017aveva presentato le proprie dimissioni dalla carica di Sindaco pochi giorni dopo le dimissioni di Martina, il 3 ottobre 2019, salvo poi ritirarle il 20esimo giorno. A sostenere la maggioranza concorre l’apporto esterno, a questo punto fondamentale, da parte della consigliera pentastellata Francesca Sodero.