Novanta contagiati in una Rsa nel Barese: è il più grande focolaio acceso dal Covid. Positivo l’11% dei tamponi. Quaranta positivi da festa di laurea

511

Gallipoli – Non denuncia segni di stanchezza il Covid 19  neanche oggi, giorno in cui l’Italia supera i 19mila casi. I casi rilevati in Puglia sono 590 su 5.253 test effettuati. Bari primeggia ancora – 234 dei nuovi positivi sono lì – ma va detto che i numeri odierni s’ingrossano per i 90 contagiati contati in una Residenza sociosanitaria assistita (Rssa) di Triggiano, tra 71 ospiti e 19 addetti. Tra i positivi ora c’è anche il ministro agli Affari regionali, il barese Francesco Boccia, asintomatico e in isolamento domiciliare. Ed anche alcuni frati del convento del rione Libertà del capoluogo.

Foggia è a quota 176. Qui il focolaio è in una scuola primaria di Rodi garganico, coinvolti finori quattro insegnanti e 14 alunni. La provincia Bat ne dichiara 58 e il Tarantino 65, frutto di una festa di laurea. Nel Tarantino anche l’unico decesso. Rischia di avvicinarsi ai vertici Brindisi (30 infezioni, altro focolaio scolastico) mentre tiene ancora il Leccese (19). La percentuale tamponi/contagi sale all’11,2; ieri era all’8,6, l’altro ieri al 6,1 (della situazione a Lecce e provincia si parla in altro articolo).

Scuole chiuse, posti letto aumentati

Tra le scuole chiuse, sanificate e riaperte c’ oggi ancora quella di Castrì di Lecce e due di Bitonto. Situazione sempre di difficoltà in due Istituti superiori tarantini. Al Policlinico di Bari, dato il preoccupante andamento al rialzo, sono stati preparati altri cento posti letto per i malati di Covid.

Sono finiti in ospedale altri 31 pugliesi (quattro dalla Rssa di Bari con urgenza), con un totale di 479 malati. Le Terapie intensive segnalano l’ingresso di altri due pazienti che così portano il totale a 52. Ai “domiciliari” finiscono in 516 (6.297 in tutto). I guariti sono quaranta. Sia a Foggia che a Bari “restano elevati i contagi familiari e interfamiliari”, come affermano i dirigenti delle Asl di quelle due realtà.