“Notte bianca” a Neviano e gli emigranti ritrovano la loro piazza

2204

Neviano – Iniziative estive con contorno di polemiche per l’estate nevianese. Tutto pronto, infatti, per la “Notte bianca nevianese”, l’appuntamento con musica, mercatini, street food, arte e divertimento in programma stasera, martedì 31 luglio,  all’interno del Parco Croce Cazzanti: tra le attrazioni proposte dall’omonima associazione e da “5Generazione”, i dj Miky Heic e Toto, il comico Francesco Rizzuto, oltre a numerose band, fuochisti e giullari. Gli stessi organizzatori sono in dirittura d’arrivo anche con la storica “Festa dell’emigrante”: mercoledì primo agosto in piazzetta Emigranti, ai piedi del monumento inaugurato nel 1971 (“il primo in Italia”, dicono da queste parti) le celebrazioni per ricordare i cittadini nevianesi nel mondo. Oltre alla messa in programma alle 20 nella chiesa della Madonna delle Nevi (e la posa di una corona d’alloro ai piedi del monumento) ci saranno musica e divertimento con gli artisti Silvia Flores e Gabriele Nahi, e la formazione dei “Kardia Mundi”.

Una location “salva” dopo le polemiche dei giorni scorsi quella della piazza dedicata a chi è andato via dal paese: inizialmente anche la storica manifestazione del primo agosto si sarebbe dovuta svolgere all’interno del Parco Croce Cazzanti. «A causa del decreto ministeriale sulla sicurezza», è stato scritto sul manifesto che in questi giorni ha accompagnato la promozione dell’iniziativa. Il fatto ha, però, suscitato la forte indignazione (facilmente veicolata dai social) di molti nevianesi che non riuscivano a  capacitarsi dello spostamento di una festa alla quale sono tutti legati, lontana dall’importante Monumento che onora la memoria degli emigranti. Complici le lamentele, nelle ultime ore la marcia indietro di organizzatori e Comune con i nuovi manifesti che individuano piazzetta Emigranti come luogo di svolgimento delle celebrazioni, anche civili.
“Questioni di sicurezza” di cui l’Amministrazione comunale ha comunque dovuto tener conto: è di stamattina, infatti, l’ordinanza “urgente” diramata dal sindaco Silvana Cafaro ed indirizzata proprio alle due serate in questione. “È vietata la somministrazione e la vendita di alcolici, superalcolici e altre bevande in bottiglie di vetro e/o lattine – ha disposto il Primo cittadino – anche dispensate da distributori automatici, che possano costituire un pericolo per la pubblica incolumità”. Che festa sia, per tutti e in sicurezza, dunque.