Neviano, a 20 giorni dal voto cade la Giunta della Sindaco Cafaro. Dopo uno scontro con denuncia

1927
Silvana Cafaro

Neviano – Clima rovente in città in vista delle Amministrative dei prossimi 20 e 21 settembre. Cade con tre settimane d’anticipo la Giunta della Sindaco uscente Silvana Cafaro.

Lo sgambetto determinante lo danno sette componenti del Consiglio comunale (i quattro di minoranza oltre al consigliere Vito Iasi e agli ex assessori Raffaele Birtele e Rita Sansone) che nella mattinata di oggi hanno fatto pervenire alla Prefettura le proprie dimissioni, ponendo così la parola fine, con leggero anticipo, alla decennale avventura amministrativa dell’ormai ex primo cittadino.

Lo scontro tra Sindaco e comandante dei vigili

Già nei giorni scorsi in paese si era avvertita la tensione salire, con la querelle balzata agli onori delle cronache tra il comandante dei Vigili urbani Massimo Bianco e la Cafaro: i carabinieri della stazione locale indagano su una presunta colluttazione avvenuta tra il numero uno della Municipale e la numero uno di Palazzo di città accompagnata dall’assessore Antonio Megha.

È proprio la Cafaro a legare i due avvenimenti: “Venerdì, come è noto, sono stata oggetto di un’aggressione da parte del comandante dei Vigili – sostiene la ex prima cittadina nevianese. – Mi aspettavo solidarietà da parte di tutte le altre forze politiche, invece questa mattina tutti i consiglieri di opposizione, uniti ai fuoriusciti dalla mia maggioranza, hanno presentato in massa le dimissioni per farmi decadere da Sindaco. Tutto questo a pochi giorni dalle elezioni è semplicemente surreale”.

In questo clima continua la campagna elettorale, con un dibattito più che caldo: candidati per la poltrona più alta di piazza Concordia sono la figlia della Cafaro, Fiorella Mastria, con la lista “Sempre Con Te”, oltre ad Antonluca Iasi (SiAmo Neviano), Luigi Stifani (Neviano Libera) e Adriano Napoli (Orgoglio Nevianese).