Nell’Ambito sociale di Nardò cominciate le lezioni di Italiano per gli extracomunitari migranti

587

Nardò – E’ partito da ieri il corso di lingua italiana per stranieri. Lo ha organizzato a Nardò l’Ambito territoriale sociale 3, che  comprende i Comuni di Nardò (capofila), Copertino, Galatone, Leverano, Porto Cesareo e Seclì ed è stato promosso come percorso di alfabetizzazione di lingua italiana per stranieri presenti nei paesi dell’Ambito.

L’iniziativa vedrà le lezioni svolgersi ogni lunedì e giovedì ed è svolta attraverso la scuola pubblica Cpia (Centro provinciale istruzione adulti) di Lecce presso l’Ambito 3, nella sede comunale di via Falcone e Borsellino. Gli iscritti al percorso, al momento, sono una ventina.

La collaborazione con il Cpia Lecce è stata avviata grazie all’attività dell’Ufficio di Piano e al contributo offerto dalle operatrici del Progetto Fami Puglia Integra – Azione 2 di cui l’Ambito è partner. L’ogiettivo di fondo è facilitare e qualificare i percorsi di integrazione dei cittadini extracomunitari, attraverso l’innovazione delle modalità organizzative e degli standard procedurali del sistema dei servizi del territorio, nell’intento di agevolare un accesso unificato alle aree tematiche principali.

“Il tema dell’integrazione degli extracomunitari – afferma il presidente del coordinamento istituzionale dell’Ambito e assessore al Welfare del Comune di Nardò, Maria Grazia Sodero – è intimamente legato al problema della lingua. Il progetto Fami, l’impegno dell’Ambito e la collaborazione del Cpia, ci consentono di offrire agli stranieri presenti nei sei Comuni un sostegno qualificato e concreto nell’apprendimento o nel perfezionamento della nostra lingua, da cui passa una parte non certo trascurabile della capacità di integrazione di queste persone”.