Nel Capo di Leuca la Giornata diocesana dei migranti, ricordando le tante vittime del Mediterraneo e la ragazza somala approdata cadavere nel 2016

841
Monsignor Vito Angiuli

Felloniche (Castrignano del Capo) – Un’occasione per riflettere sul Mediterraneo e le sue tante vittime. È così che ogni anno la diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca accende i fari sul dramma dell’immigrazione promuovendo, sul lungomare di Felloniche, la Giornata diocesana dei migranti che si svolgerà domenica 26 luglio alle ore 19.30. Sarà il vescovo  Vito Angiuli a presiedere la messa in onore della patrona dei migranti Santa Francesca Saverio Cabrini e in suffragio delle vittime delle migrazioni.

Seguiranno gli interventi di don Lucio Ciardo, parroco a Tricase Porto e direttore della Caritas diocesana e di don Fabrizio Gallo, parroco a Castrignano del Capo e direttore dell’ufficio “Migrantes”. Quest’ultimo interverrà per una breve invocazione mariana voluta da Papa Francesco “Solacium migrantium” mentre don Lucio, insieme al mediatore culturale Massimo Buccarello e Enzo Chiarello, presidente Coop Ipad Mediterraneo, illustrerà il progetto Apri.

La tragedia di Felloniche

Non è certo casuale la scelta del luogo: nelle acque di Felloniche l’11 gennaio 2016 venne rinvenuto senza vita il corpo di una giovane ragazza somala e a benedire quella salma fu proprio mons. Angiuli. «Questo luogo, più di altri, può farci riflettere sul diritto alla vita e sulla necessità di un impegno corale per impedire che simili tragedie continuino a verificarsi nell’indifferenza di tanti. Il nostro vescovo – afferma don Fabrizio Gallo – ha sempre dimostrato particolare sensibilità ed interesse per questa problematica che ci vede impegnati come Chiesa accanto alle autorità e istituzioni civili nel promuovere una cultura dell’accoglienza e del sostegno concreto a favore dei richiedenti asilo».

«Non dobbiamo mai dimenticare che si tratta di persone che provano le stesse cose che proviamo noi ma a differenza nostra scappano da terre devastate dalla guerra e in situazioni di povertà estrema alla ricerca di un futuro migliore», afferma Don Lucio, sempre in prima linea, con i suoi volontari, durante gli sbarchi che avvengono sulle coste salentine, soprattutto su quella leucana.

Alla Giornata diocesana dei migranti, organizzata da ufficio Migrantes e Caritas, parteciperanno il primo cittadino di Castrignano del Capo Santo Papa e le autorità civili e religiose. Sono stati invitati a partecipare anche i Sindaci dei Comuni del Capo di Leuca.