Natale a Gallipoli con gli auguri speciali degli agenti del Commissariato a due “giovani” 95enni e a un bimbo “intraprendente”

5649
L’incontro del Natale 2019

Gallipoli – Per un Natale che si preannuncia giocoforza diverso dal solito, ci pensano gli agenti del Commissariato di Gallipoli a regalare scampoli di serenità. Sono tre le storie che meritano di essere raccontate e che disvelano un aspetto diverso dell’attività degli uomini in divisa.

Nei giorni scorsi i poliziotti del locale Commissariato, nel rispetto delle misure anticovid, hanno fatto gli auguri a due “giovani” ultranovantenni e ad un bambino di 5 anni che, per un motivo o per un altro, con le loro storie hanno scaldato i loro cuori.

Due “giovani” 95enni

Lo scorso anno, in questo periodo prenatalizio, a causa di un momentaneo problema fisico, nonna Cosima non poté partecipare ad un’iniziativa di solidarietà organizzata dal Commissariato malgrado i suoi 94 anni avrebbe raggiunto di buon grado i suoi coetanei per un momento di compagnia (il Covid allora sembrava ancora lontano…, come si può ben vedere nella foto), ma ciò non fu possibile. Allora nei giorni scorsi sono stati gli agenti a farle una sorpresa andando a trovarla a casa per consegnarle un piccolo dono con gli auguri da parte della Polizia di Stato. La oggi 95enne, più in forma che mai, con un dolce sorriso ha ringraziato i poliziotti per il loro impegno quotidiano.

Ha 95 anni anche nonno Giuseppe che lo scorso 19 marzo, per il suo onomastico e per la festa del papà, avrebbe voluto tanto festeggiare il proprio onomastico con i figli e i  parenti, purtroppo impedito, come tutti, dal lockdown. I poliziotti, saputo di questo rammarico, hanno pensato di fargli visita regalandogli, sempre con le dovute cautele previste dai protocolli sanitari, un momento speciale in compagnia della Polizia, con la speranza di aver compensato il dispiacere del mancato onomastico.

Gli auguri al piccolo Salvatore

Monica Sammati

«Entrambi i “giovani” ultranovantenni stanno affrontando con grande forza psicologica e buon senso questo brutto momento connesso alla pandemia e sono da esempio per tutti noi», fanno sapere dal Commissariato di Gallipoli, guidati dal vice questore Monica Sammati.

Altra storia quella di Salvatore, un simpatico bimbetto di 5 anni, che una sera di novembre, mentre giocava con il cellulare della madre, involontariamente compose il 113 e da lì nacque una piacevole, seppur breve, conversazione con l’operatore della sala operativa del Commissariato di P.S. di Gallipoli.

I poliziotti hanno così pensato di ricambiare il gesto, facendogli una sorpresa e andando a trovarlo a casa per portargli un piccolo dono. Il piccolo è rimasto così colpito da  questa visita speciale da aver già espresso il desiderio di fare il poliziotto da grande.

«Piccoli gesti di solidarietà e messaggi del motto esserci sempre”, in occasione di un Natale che avrà sicuramente un significato più profondo rispetto agli anni passati».