San Gregorio Armeno, il ricordo e i festeggiamenti: a Nardò passeggiata a cavallo, musica sacra e “Girodibanda”

1863

Nardò – Al via il 18 febbraio i festeggiamenti in onore di San Gregorio Armeno, patrono della città. Ricco anche quest’anno il programma di eventi della tre giorni organizzata dal locale Comitato feste, composto da don Giuliano Santantonio (Padre Spirituale e Parroco della Chiesa Cattedrale), Cosimo Caputo (presidente Comitato), Salvatore D’Alessandro (vicepresidente), Antonio Palumbo (segretario), Mino De Benedittis (tesoriere), Antonio Rocco Pisanello (responsabile rapporto confraternite), Giancarlo De Pascalis (comitato scientifico) e un nutrito gruppo di consiglieri e collaboratori esterni.

Domenica 18 febbraio alle 10 in zona 167 passeggiata a cavallo organizzata da Cesare Bruno e in serata, alle 19.30, un concerto di musica sacra in Cattedrale. Il giorno dopo convegno sui rapporti tra Nardò e l’Armenia: alle 9.30 al Chiostro dei Carmelitani dialogheranno Carlo Coppola (segretario del centro studi “Hrand Nazariantz” e curatore del volume “Nella terra del terrore”, opera che racconta il genocidio armeno), Pantaleo Pagliula e rappresentanti di Comune, Curia e Comunità armeni di Puglia. A coordinare i lavori l’architetto Giancarlo De Pascalis. In serata, dopo la messa delle 18 la processione percorrerà le seguenti strade: piazza Pio XI, corso Garibaldi, piazza Umberto I, via Regina Elena, via Roma, piazza Diaz, corso Galliano, piazza Mazzini, via Grassi, piazza Osanna (qui la benedizione della città), piazza della Repubblica, corso Vittorio Emanuele II, piazza Salandra, via Duomo e rientro finale in piazza Pio XI.

Martedì 20, giorno di San Gregorio Armeno, messe in Cattedrale alle 7.30, 9, 10.30 e 18.30 e concerto mattutino per le vie cittadine della banda “Terra d’Arneo”. Alle 17 commemorazione delle vittime del terremoto del 1743 con i cento tocchi delle campane della torre dell’orologio di piazza Salandra e lettura di alcune cronache dell’epoca. Qui l’amministrazione comunale consegnerà una targa ai sindaci di Lecce e Galatone, Carlo Salvemini e Flavio Filoni, per ringraziare simbolicamente le due comunità per l’opera di soccorso prestata nei giorni successivi al sisma.

Gran finale con lo spettacolo pirotecnico alle 19.30 in via Falcone e Borsellino e dalle 20 in piazza Salandra l’atteso concerto di “Girodibanda” e Cesare Dell’Anna.

«Come ogni anno – ha ricordato il presidente del Comitato festa Cosimo Caputo – abbiamo riunito le risorse umane e materiali a disposizione e messo su un programma di festeggiamenti all’altezza di questa città e del suo patrono. È la festa di tutti per la cui realizzazione sento il dovere di ringraziare l’Amministrazione comunale e i tanti operatori economici che anche quest’anno hanno contribuito».