Nardò, in campo un altro esponente del centrosinistra sostenuto dal M5S: è Falangone, ex vice di Risi

561

Nardò – Elezioni amministrative di primavera, la lista si allunga: annunciato un nuovo nome per la corsa a Palazzo Personé. Scende ufficialmente in campo Carlo Falangone, ex vicesindaco della Giunta Risi e pedina-chiave del centro-sinistra neretino.

Ad annunciarlo, non solo Alessandra Boccardo e Luca Rizzello – coordinatori di “Nardò Progressista” – e il rappresentante di “Futuro Comune” Cosimo De Benedittis, ma anche i due esponenti di peso del Movimento 5 Stelle neretino: il vicepresidente del Consiglio Regionale Cristian Casili e la senatrice Soave Alemanno.

I grillini scendono in campo

Si è così sciolto l’interrogativo sulle strategie dei pentastellati alla competizione elettorale di giugno: “Da tempo sentiamo il bisogno di non vedere solo una città che cambia – dicono i firmatari in una nota – ma di rendere i cittadini partecipi di questo percorso di cambiamento e crescita. Siamo convinti che sia necessario costruire una città diversa, insieme ai giovani, agli imprenditori e ai professionisti: la sintesi – sottolineano – di questo progetto sta in un programma adeguato alle esigenze dei neritini e nella candidatura a sindaco di Carlo Falangone, sostenuto da tutti noi”.

Quello dell’attuale consigliere comunale d’opposizione è solo l’ultimo nome in ordine di tempo, tra certi e in forse, pronto ad assumere il governo della città: pochi giorni fa era toccato al vicepresidente del Consiglio Comunale Giancarlo Marinaci venire allo scoperto (su spinta dei Popolari), con il nome del manager Enzo Petraroli – gradito a parte del centro-sinistra – ancora in stand-by in attesa di ulteriori endorsement.

Centro sinistra diviso

Si tratta di un ulteriore rimescolamento delle carte in tavola per le liste e i movimenti di centro-sinistra, gran parte dei quali non hanno ancora esplicitamente puntato su nessuno degli aspiranti allo scranno più alto di piazza Cesare Battisti.

Dall’altra parte della geografia politica il centro-destra, che stando agli annunci vede in campo (ufficialmente) il biologo Pierpaolo Losavio (Impegno Politico), l’ex forzista Mino Frasca e l’avvocato Giuseppe Cozza (anch’egli già certo della sua partecipazione alla sfida), anche in questo caso con i partiti dell’area non ancora palesemente schierati a sostegno di alcuno.

Partiti di centrodestra in attesa

Minimo comun denominatore di metà dei papabili è il presidente della Regione Michele Emiliano: alleato del Movimento cinque stelle a Bari e sostenuto alle Regionali di settembre dalle liste di centro-sinistra, compreso Marinaci, ma anche da Mino Frasca (a settembre sponsor di Antonio Raone di Presicce, candidato con il governatore), oltre che dallo stesso sindaco uscente Giuseppe Mellone – già lanciatissimo verso il bis – che intanto è in piena campagna elettorale con nove liste già annunciate.