Nardò – Anche Nardò ha aderito, lunedì 21 novembre, alla Giornata nazionale degli alberi, la festa dedicata ai polmoni verdi d’Italia. Bambini e ragazzi dell’istituto comprensivo Polo 1 (scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado), in collaborazione con Bianco Igiene Ambientale e Arif Puglia, hanno messo a dimora giovani alberi nei cortili dei plessi “Giovanni XXIII” di piazza Umberto e “Don Lorenzo Milani” di via Crispi: un gesto simbolico ma significativo, che aiuta la comunità a disporre di spazi verdi e accoglienti.

Bambini con un giovane albero

Gli alberi metafora della vita. Obiettivo della “Festa dell’albero” neretina – che a livello nazionale nell’edizione 2018 ha abbracciato come temi accoglienza e solidarietà – è stato quello di rendere le scuole un luogo di condivisione, partecipazione, coesistenza e valorizzazione delle diverse culture. In piazza Umberto, inoltre, è stato esposto lo striscione “L’albero è vita”, il percorso didattico che rientra nel progetto “L’impronta ecologica”, che ha visto i bambini impegnati a riflettere sul valore degli alberi nella loro biodiversità e come metafora della vita. E proprio a rafforzare il senso della nascita, alla festa sono state invitate le mamme in dolce attesa, che hanno assistito alla piantumazione di un arbusto per ogni bebè in arrivo.

La dirigente del Polo 1 Maria Gabriella Caggese

Una festa condivisa con le famiglie. “La Festa dell’Albero – spiega la dirigente del Polo 1 Maria Gabriella Caggese – è stata un momento per ricordare a tutti che la tutela ambientale passa per la salvaguardia di boschi e foreste. Un appuntamento che ha legato la Terra al futuro dell’uomo, di cui l’albero è simbolo per eccellenza, come ci narrano tutte le tradizioni. Condividere con le famiglie questa festa è servito anche a creare una sana coscienza ecologica: rispettare l’ambiente significa rispettare la vita stessa”.

Pubblicità

Canti, filastrocche, giochi e letture: così gli studenti, affiancati dagli operatori Arif, hanno trascorso una mattinata altamente educativa, in compagnia dell’assessore all’Ambiente Mino Natalizio e di quello all’Istruzione, Maria Grazia Sodero.

Pubblicità

Commenta la notizia!