Nardò: dialoghi, spettacoli, mercatini e degustazioni per “Legumi in festa”

2542
Uno scatto dalla precedente edizione di “Legumi in festa”

Nardò – La prima edizione incentrata sul concetto di “nutrire la terra”, la seconda sulla valorizzazione del cece di Nardò, quella del 2019 dedicata ai “custodi dell’ambiente”: il 26 e 27 ottobre l’associazione Verdesalis ripropone “Legumi in festa”. Un appuntamento ormai centrale nell’autunno neretino, per celebrare la Terra d’Arneo con dialoghi, spettacoli, mercatini e degustazioni.

Gianni Casaluce

“Dagli ortaggi al miele, dal vino alla birra, dallo zafferano alla salsa etica e le farine: esalteremo la filiera corta dell’agroalimentare e dei prodotti coltivati secondo i principi dell’agricoltura naturale”, dichiara il promotore dell’iniziativa Gianni Casaluce, presidente di Verdesalis.

“Legumi in festa”: il programma di sabato

Sabato 26 ottobre l’inaugurazione in piazza Salandra con l’apertura del mercatino alle 16, due ore prima della degustazione di legumi con il contributo dell’istituto alberghiero “N. Moccia” e di aziende del territorio salentino.

Pubblicità

In un incontro moderato da Virginia Meo dell’associazione Oltre mercato Salento, dalle ore 18,30 si parlerà di politiche di sviluppo rurale in Terra d’Arneo con Cosimo Durante (presidente Gal Terra d’Arneo), della mensa scolastica a km 0 sperimentata con successo a Melpignano in compagnia del vice Sindaco Valentina Avantaggiato, e di una Puglia indirizzata verso un laboratorio permanente di agricoltura sociale con Fabrizio Guglielmi, portavoce del Forum agricoltura sociale.

Dalle ore 20 si continua a riflettere sui temi agroecologia come strumento di lotta politica con i neretini Rosa Vaglio e Angelo Cleopazzo dell’associazione Diritti a Sud; di agricoltura e inclusione sociale per entrare nell’età adulta con il docente Vito e Gianmarco Scarafoni del progetto “Utilità marginale”. Dalle 21,30 il dialogo verterà sulle nuove responsabilità dell’agricoltura, con Roberta Bruno di Aradeo (rappresentante di Karadrà), di tutela della biodiversità con Emilio Buonomo (presidente del bio-distretto Cliento) e del Monte Frumentario del Cliento con Antonio Pellegrino (presidente di Terra di resilienza).

Il calendario di domenica

Domenica 27 ottobre, in mattinata c’è l’apertura del mercatino (alle 9,45), quindi i laboratori presso “La vetrina del gusto” di piazza Salandra e la degustazione di legumi.

Bruno Vaglio
Bruno Vaglio

Nel pomeriggio, poi, nuovi spunti di riflessione (dalle ore 17) sulle esperienze degli orti didattici con l’agrotecnico Antonio Orlando, e sui legumi come risposta concreta contro i cambiamenti climatici con l’agronomo Bruno Vaglio (di Gallipoli). Dalle 18 dialoghi rurali su semi ed ecotipi locali con Angelo Giordano (fondatore di Ex Terra), sul progetto “Case delle sementi” con Tazio Recchia (consigliere “Reti semi rurali”), sull’apicoltura in Puglia e nel Salento con Giovanni Guarini (vice presidente Apis Puglia).

Nell’ultimo scorcio della giornata, dalle 19,30, si parla di zeocultura con Vittorio Arenella (fondatore di Zeocultura), del caso Xylella con il dottor Giorgio Doveri, e di gestione naturale di un uliveto con l’olivicoltore Francesco Mastroleo.

Pubblicità