Nardò: con “Street workout” e “Panchina rossa” un week end per le donne, contro cancro e violenza

300

Nardò – Contro la violenza, contro i tumori: Nardò si fa sentire. Domenica lo “Street workout” ha invaso il centro storico: oltre 300 partecipanti da tutta la provincia si sono dedicati al fitness con sfondo solidale, per dire no al cancro al seno.

Da piazza Salandra per le arterie del Comune neretino e in ogni stazione di sosta sono stati organizzati flash-mob: alla fine sono stati 1.300 gli euro raccolti, destinati a sostenere i servizi gratuiti offerti dalla delegazione Lilt di Nardò di via don Minzoni, impegnata a offrire consulenze oncologiche, senologiche, dermatologiche e ginecologiche grazie ai medici volontari.

Oltre mille euro per la Lilt

Tutti gli esercenti hanno colorato di rosa le loro vetrine, mentre i partecipanti ascoltavano musica in cuffia, praticando sport e scoprendo i segreti del centro storico neretino.

Pubblicità
Il castello Acquaviva colorato di rosa

 

Lilt ha poi svelato come stia per essere ultimata la realizzazione del Centro Ilma, l’istituto di ricerca oncologica ambientale, una struttura all’avanguardia, unica in Italia, per contrastare e ridurre le cause dei tumori nel territorio salentino. Il nascente Centro sorgerà sulla strada provinciale Alezio-Gallipoli.

Street workout e Panchina rossa 

A precedere lo “Street workout” l’installazione della panchina rossa in via XX Settembre, un’iniziativa itinerante dell’associazione Metoxè di Sannicola, in collaborazione con la Commissione pari opportunità del Comune di Nardò e l’Archeoclub Terra d’Arneo.

La presidente di Metoxè, Simona Mosco era assieme a Imma Rizzo, la mamma di Noemi Durini (la ragazza di Specchia trovata morta nelle campagne di Castrignano del Capo nel 2017), che ora nel ricordo della figlia si impegna con l’associazione Casa di Noemi contro la violenza sulle donne.

La panchina rossa installata a Nardò

Contro la violenza sulle donne

Il progetto della panchina rossa itinerante è stato presentato nell’istituto tecnico “Vanoni” ed è attualmente in corso al liceo classico “Galilei”: dal 10 al 12 ottobre toccherà al liceo artistico “Vanoni”, dal 14 al 16 al liceo scientifico “Galilei”, e dal 17 al 19 all’istituto “Moccia”.

“A Nardò abbiamo incontrato un gruppo di donne forti, dinamiche e determinate – dichiara Mosco – che hanno abbracciato il nostro progetto installando la panchina rossa nel cuore della città. È la terza panchina dal 29 maggio (le altre due a Collepasso e presso la villa comunale di Sternatia, ndr). E altre ancora ce ne saranno. Perché la lotta contro la violenza sulle donne è ogni giorno. Per noi – conclude – i rossi sul calendario non valgono”.

Pubblicità