Nardò, all’istituto “Moccia” a scuola di tecnologie, web contro il bullismo e cucina. Il 18 tutti in piazza per il “Carnevale barocco”

382
Incontro con Nardò Technical Center

Nardò – Un mese particolarmente ricco di attività per l’istituto professionale “N. Moccia”. Lo scorso 4 febbraio le classi quinte dell’indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica hanno incontrato i delegati del Nardò Technical Center per alcune lezioni informative.

Salvatore Baldi, Nildo Sestini e Gianpaolo Positano hanno presentato l’azienda con un excursus sulla sua storia e hanno avuto modo di riflettere con i ragazzi circa le innovazioni tecnologiche, per poi proporre dei giochi di squadra.

Progetto “Infanzia Masterchef”

Cyberbullismo e “Infanzia Masterchef”

A seguire, l’11 febbraio tutte le classi seconde hanno partecipato all’incontro formativo-informativo “Safer internet day”, organizzato dalla professoressa Clara Carrozzo Magli, animatore digitale e referente di bullismo e cyberbullismo, in collaborazione con il professor Antonio Sedile (componente del gruppo di lavoro “E-policy”): obiettivo sensibilizzare e educare all’uso corretto del web e delle tecnologie.

Adele Filograna

Mercoledì 12 febbraio gli studenti degli indirizzi Alberghiero e Servizi socio-sanitari hanno poi preso parte al progetto “Infanzia Masterchef” presso scuola dell’infanzia “Montessori” del Polo 2 Galatone-Seclì, mettendo alla prova le proprie competenze ai fornelli sotto la guida dei docenti Tommaso Manni, Adriana Mea e Adele Filograna.

Il 18 sfilata in maschera e dolci

Nuovo appuntamento martedì 18 febbraio, quando alcune classi dei tre indirizzi parteciperanno all’incontro di sensibilizzazione “Digi-bites” su bullismo e cyberbullismo, in collaborazione con i club Rotaract di Lecce e Nardò.

Infine gli allievi dell’istituto neretino, in collaborazione con Proloco Nardò e Terra d’Arneo del presidente Carlo Longo, in occasione della prima edizione del “Carnevale barocco” presenteranno in piazza Salandra alle ore 17,30, presso “La vetrina del gusto”, il dolce barocco da loro preparato.

A seguire la sfilata delle maschere con coreografie, musiche e testi a cura degli stessi alunni, accompagnati dalle professoresse Isabella Freddo e Margherita Fanizza, prima della premiazione finale.