“Moro vive”, gli studenti del “Vespucci” di Gallipoli e dello “Stampacchia” di Tricase ricordano lo statista di Maglie vittima del terrorismo anni ’70

1179

Gallipoli – Tricase – Incontri in streaming per gli studenti dell’Istituto superiore “Vespucci” di Gallipoli e del liceo classico-scientifico “G. Stampacchia” di Tricase per il progetto “Moro vive”, l’iniziativa del Consiglio regionale della Puglia che avvicina i giovani delle scuole superiori pugliesi al pensiero, al ruolo e alla figura dello statista di Maglie scomparso il 9 maggio del 1978 per mano delle brigate rosse.

Martedì 12 gennaio, alle ore 10, saranno protagonisti gli studenti dell’Iiss “Vespucci” di Gallipoli, con i saluti istituzionali della dirigente Paola Apollonio e della docente del progetto Wilma Leomanni e la relazione curata dall’ex onorevole Gero Grassi, già componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Caso Moro.

Grassi interverrà in streaming anche il giorno dopo, mercoledì 13, alle ore 10 per l’incontro organizzato dallo “Stampacchia” di Tricase, con i saluti del dirigente scolastico Mauro Vitale Polimeno e del docente referente del progetto Roberto Figini. Seguiranno gli interventi della presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone e di Gero Grassi.

Il progetto

Il progetto consiste nel racconto della vicenda umana, professionale e politica di Aldo Moro, con particolare attenzione al ruolo avuto nella Costituente, da ministro della giustizia, della pubblica istruzione, degli esteri e da presidente del Consiglio dei ministri.

«Si tratta di raccontare la persona e di far conoscere ai giovani studenti la storia d’Italia ancora non scritta nei libri di testo, che vede Moro protagonista di un impegno che ruota sempre intorno alla persona. La Costituzione Italiana, fortemente voluta da Aldo Moro, si basa sulla centralità della persona e sui diritti che sono riconosciuti dallo Stato e non più concessi, come nello Statuto Albertino», affermano i promotori del progetto.

“Moro vive” è il progetto dedicato dall’Assemblea legislativa pugliese ad Aldo Moro, a cura della Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale, unitamente ai progetti “Moro: martire Laico”, “Moro: educatore”, “Moro: professore”.