Morì dopo l’intervento, i familiari accusano

877

mediciACQUARICA. Vogliono vederci chiaro e chiedono un risarcimento alla clinica i familiari di Franca, 64enne di Acquarica del Capo, morta nel 2015 per infezione da Escherichia Coli a seguito di un intervento cardochirurgico. “Non deve accadere mai più. Lo facciamo solo per lei, del resto è l’ultima cosa che resta da fare”, racconta l’avvocato Dario Malinconico, incaricato dagli eredi di curare i loro interessi e aiutarli a fare luce sulla scomparsa della donna. La donna era stata sottoposta a un intervento cardochirurgico, programmato e riuscito, presso la clinica Città di Lecce con innesto di arteria mammaria interna di sinistra per la rivascolarizzazione miocardica. Nonostante il persistente stato febbrile conseguente l’intervento e la positività all’ “Esterichia coli”, la paziente era stata dimessa il 13 luglio con segnalata iperpiressia e valori elevati di Ves. Dopo un breve periodo trascorso a casa, il quadro clinico è peggiorato: nuovamente ricoverata in clinica, la paziente era risultata positiva al batterio della “Klebsiella pneumoniae”, morendo il 19 ottobre.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!