Momento magico per la pallavolo casaranese: imbattuta in C la squadra maggiore. Bene tutte le altre

1073

Casarano – È un momento magico per il movimento pallavolistico casaranese. I ragazzi guidati da mister Domenico Monaco, che militano in serie C, si godono il primo posto in classifica e il primato dell’imbattibilità, mentre le ragazze di mister Claudio Carbone stazionano al secondo posto nel campionato di serie D.  Con undici vittorie su undici gare, il Perle di Puglia Casarano è una macchina inarrestabile: l’ennesima conferma è arrivata con l’ultima vittoria (sabato 3 febbraio) in casa del Sammichele di Bari.  Buono anche il campionato della Vittoria Assicurazioni Casarano, che nel girone di ritorno cercherà di agganciare la vetta oggi occupata dall’apripista Azzurradonne Alessano. Nell’ultimo turno di sabato 3 febbraio, intanto, è arrivata la vittoria nel derby contro l’Ugento per 3-0. Ma le soddisfazioni arrivano anche dal nutrito settore giovanile che può contare sulle compagini maschili e femminili di under 16, under 14 e under 12 e sui bambini del minivolley. Insomma, si è seminato bene e i risultati lo testimoniano.

Il direttore sportivo Anastasia – «Guardando il lavoro svolto sino ad oggi ed i risultanti raggiunti – commenta il direttore sportivo Luigi Anastasia – non possiamo che ritenerci ampiamente soddisfatti e orgogliosi di quanto siamo riusciti a mettere in piedi in questi lunghi mesi di sacrifici e sudore. La palma del migliore va certamente attribuita ai ragazzi della serie C, Perle di Puglia Casarano, che si sono resi autori di un girone d’andata fenomenale: la truppa di mister Monaco si trova a comandare la classifica a punteggio pieno, conquistando anche il pass per la final four di Coppa Puglia. Un cammino incredibile che ha visto i rosso-azzurri regalare, partita dopo partita, una pallavolo sempre più spettacolare. Da qui in poi dovrà essere bravo mister Monaco a tenere alta la concentrazione dei suoi perché la strada è ancora molto lunga ed impervia e tutti vorranno provare a fare lo sgambetto agli “imbattibili”».