“Menzione speciale” dal Ministero per due classi della Primaria di Taviano, “quando la scrittura è palestra di democrazia”

4588

Taviano – La scuola Primaria di Taviano si aggiudica una “menzione speciale” nel concorso nazionale “Premio ScriViamo”, organizzato dal Ministero della Pubblica istruzione. Ad essere premiate sono state due classi quinte, le sezioni B ed E, che si sono viste pubblicare due loro produzioni, rispettivamente “Ombrellius e gli amici  rifiuti” e “In ammollo centrifugati e stropicciati”.

Si tratta di elaborati scritti a più mani, partendo dall’incipit del libro di uno scrittore per poi continuare con una scrittura di gruppo alla ricerca di un “sentire comune”. «La scrittura come vera palestra di democrazia – dichiarano le maestre referenti, Elena Cacciatore, Maria Cristina Castelli, Lorena De Pascali e Claudia Tempesta – come condivisione di idee e confronti che hanno permesso agli alunni di maturare competenze di cittadinanza attiva. Tutto  ciò ha portato un notevole arricchimento del loro percorso formativo».

A questo appuntamento, molto atteso soprattutto dai ragazzi, si è lavorato tutto l’anno scolastico, proseguendo, quando la scuola è rimasta chiusa, con interventi in videoconferenza. Il plauso per la menzione speciale “Premio ScriViamo”, arriva dal dirigente scolastico, Fernando Calò, che afferma: «I ragazzi sono stati molto bravi a creare una speciale staffetta letteraria creativa che ha saputo muoversi su tematiche già affrontate altre volte, come il problema dell’inquinamento, la natura e il mondo d’oggi, ma con tecniche nuove che avvicina i giovani alla nostra società».