Melissano, per la festa di Sant’Antonio lancio delle mongolfiere e concerto di Cristiano Malgioglio

3966

Festa di Sant'Antonio a Melissano

Melissano – Tutto pronto per i solenni festeggiamenti in onore del patrono Sant’Antonio: le strade illuminate a festa accoglieranno fedeli e non sabato 31 agosto, domenica 1 e lunedì 2 settembre, fra riti religiosi, musica e tradizioni.

IL PROGRAMMA

Anche quest’anno, al rientro dalla processione del sabato, si ripeterà il tradizionale lancio delle mongolfiere, evento curato dalla ditta “Cosimo Donadei” di Parabita. A seguire (ore 21 in piazza Garibaldi), spazio al concerto dell’Orchestra Fuoritempo, con oltre 70 ragazzi che arrivano da Martignano (frazione di Trento), in virtù di un gemellaggio con l’orchestra giovanile “Junior band” di Melissano e Amici della musica “M. Frivoli” di Presicce-Acquarica. Dirige il concerto il maestro Sebastiano Rizzoli.

Domenica, invece, i festeggiamenti continueranno con le note del Gran concerto bandistico Lirica “Città di Lecce”, diretto dal maestro Salvatore Tarantino.

Cristiano Malgioglio
Cristiano Malgioglio

Nell’ultimo giorno della festa, lunedì 2 settembre, alle 21,30 c’è lo spettacolo di fuochi pirotecnici a cura della ditta “La pirofantasia modugnese”; e alle 22, nella centralissima piazza Marconi, il concerto del cantautore e paroliere, nonché stravagante personaggio televisivo, Cristiano Malgioglio.

GEMELLAGGIO CON LA POLONIA

Quest’anno, durante i festeggiamenti Melissano ospiterà una piccola delegazione del Comune di Ogrodzieniec, in Polonia, in virtù del gemellaggio sottoscritto 19 anni fa grazie proprio alla fede nei confronti di Sant’Antonio, che accomuna delle due comunità.

IL MESSAGGIO DEL COMITATO FESTA E DEL PARROCO

“Che sia un momento di serenità per ciascuno di noi – augura Dario Piscopiello, presidente del Comitato Festa – in ogni famiglia, in ogni casa, e che Sant’Antonio ci assista e ci protegga sempre”.

Dello stesso avviso anche don Antonio Perrone, che rivolge alla comunità un messaggio incentrato sul coraggio, “per affermare di essere cristiani ed esserlo veramente, davanti a coloro che hanno fatto del cristianesimo solo una bandiera da sventolare nel momento della necessità e poi sono pronti a qualunque compromesso per affermare se stessi”.

IL SINDACO: “UNA FESTA CHE RAFFORZA LE NOSTRE TRADIZIONI”

“Mi auguro che i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio rappresentino un momento di concordia e felicità per la nostra comunità”, afferma il primo cittadino Alessandro Conte, certo che queste giornate “siano indispensabili per rafforzare il rapporto con le nostre tradizioni”.

(Mattia Chetta)