Matino ricorda il maestro Giorgio De Salve dedicandogli una strada vicino la “sua scuola”

918

Matino – Una strada per ricordare Giorgio De Salve. È quella che Matino ha dedicato al maestro elementare nei pressi della sua scuola, la “Nazario Sauro”. Porterà il suo nome il largo esistente tra la scuola e la villa comunale Umberto I.

“Si spese senza risparmiarsi, in classi e doposcuola gratuito, per dare un’istruzione a tanti bambini e ragazzi che altrimenti sarebbero cresciuti in mezzo ad una strada senza alcuna preparazione scolastica”, è scritto della delibera con la quale la Giunta comunale, il 6 marzo 2018, ha ritenuto di immortalare l’opera e la figura del maestro De Salve con l’intitolazione avvenuta quest’oggi.

La cerimonia

Alla cerimonia di oggi erano presenti i familiari insieme al sindaco Giorgio Toma, a don Andrea Danese, alla dirigente scolastica Giovanna Marchio e alle docenti e agli alunni della scuola.

È il figlio Gabriele De Salve a ringraziare, a nome della famiglia, il sindaco e l’Amministrazione comunale “per quest’ ulteriore segno di stima e riconoscenza e per aver, ancora una volta, voluto onorare la memoria, l’opera, la missione verso coloro che lui amava definire “i miei ragazzi di strada” e l’ultraquarantennale servizio di “maestro elementare”, attraverso l’intitolazione di una strada”.

Il ricordo

Il ricordo dell’insegnante, nato nel 1914 e scomparso nel 1986, è sempre rimasto vivo nella comunità matinese, e non solo. Suo fu il grande impegno nel combattere l’analfabetismo,  molto diffuso negli anni del suo insegnamento, riuscendo a coinvolgere i ragazzi anche in varie attività, anche ludiche e teatrali.

Al nome di Gabriele De Salve resterà per sempre legato il ricordo del suo impegno nel voler realizzare in paese, nei difficili anni ’50, il Villaggio del fanciullo, opera poi ristrutturata e ammodernata da don Primaldo Gioffreda, dopo la donazione da parte della famiglia del maestro. Oggi la struttura è un vero e proprio contenitore di numerose attività educative rivolte a tanti ragazzi.