Marittima di Diso, cioccolata calda e frollini per l’ultimo appuntamento con le degustazioni alla Bottega equo-solidale

1118

Marittima di Diso – Si chiuderà il 6 gennaio la quarta edizione di “Degustazioni in Bottega”, rassegna promossa dalla Bottega equo-solidale di Marittima con il patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Diso e delle associazioni Bottega del Mondo – Equo Garantito. Dalle ore 17 alle 21, nella sede della Bottega, in via Conciliazione 11, saranno offerti gratuitamente cioccolata calda e frollini.

Settimo appuntamento. Quello del giorno dell’Epifania è il settimo appuntamento delle “Degustazioni”, iniziate il 25 novembre scorso con cioccolata di Modica e rhum. Il calendario degli incontri è proseguito ogni domenica, per tutto il mese di dicembre, con tè, tisane, infusi e frollini, cioccolatini e praline al cacao, torroni artigianali, panettoni e pandori anch’essi artigianali, marmellate e creme di frutta. «Bilancio senz’altro positivo – dice Francesco Casciaro, responsabile esecutivo della Bottega. – Marittima e le comunità limitrofe hanno risposto bene. Sono venuti a trovarci famiglie e gruppi di amici (età compresa tra i 40/70 anni), che hanno approfittato, considerato il periodo, per fare i regali per Natale». Importante il contributo dei giovani volontari che dal 2006, anno della nascita della Bottega, si impegnano a diffondere i principi del commercio equo-solidale e delle cooperative sociali, del consumo critico e della tutela dell’ambiente.

L’albero solidale. Tra le varie degustazioni c’è stata anche un’iniziativa in perfetta sintonia con il periodo: la partecipazione all’asta solidale di un albero di Natale (“Un albero di equità”) completamente addobbato. L’asta si è conclusa il 16 dicembre con una vincitrice che ha deciso di lasciare l’albero in mostra fino alla Befana. Con l’appuntamento del 6 gennaio si chiude dunque la quarta edizione delle “Degustazioni”, nate per avvicinare i visitatori ai valori di equità, solidarietà e giustizia sociale delle cooperative del commercio equo-solidale. «Pensiamo già alle future iniziative – conclude Casciaro – e a come potenziare ed espandere la prossima edizione delle “Degustazioni”».