Marine del Capo di Leuca senza luce: disagi per tutti ma c’è anche chi apprezza il paesaggio illuminato dalla luna

960

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) – Come accade spesso ogni anno giusto nel cuore dell’estate, sono ritornati anche nelle marine del Capo di Leuca i black out elettrici dovuti, a quanto pare, al sovraccarico sull’impianto elettrico. Troppo caldo e troppi condizionatori accesi: questa la probabile causa del problema sul quale sono al lavoro i tecnici Enel.  Blackout anche più lunghi si sono verificati pure a Gallipoli.

Ieri sera alcune zone di Leuca sono rimaste al buio, a partire dalle ore 23, per circa un paio d’ore. Stessa cosa è accaduta in altre zone come a Torre Pali (marina di Salve) dove, nella mattinata di oggi c’è stato un nuovo black out.

Immediato l’intervento dei tecnici dell’Enel che ha permesso la temporanea risoluzione del problema ma l’emergenza continua e si teme il ripetersi di nuove interruzioni con conseguenti disagi ai residenti, alla prese con l’ondata di caldo di questi giorni, e mettere a rischio lo svolgersi di concerti ed eventi vari.

Pubblicità

Le polemiche, come spesso accade in questi casi, sono esplose sui social e non solo. C’è chi punta il dito contro l’Amministrazione comunale di Castrignano del Capo anche se il  problema sembra essere stato causato dall’infrastruttura elettrica obsoleta o insufficiente, non più idonea in molti tratti a servire le abitazioni che, in questo periodo, si ripopolano. In tal caso la competenza spetterebbe ad Enel chiamata ad adeguare interventi di adeguamento che limitino i disagi durante i periodi in cui si registrano alti picchi di presenze.

Al netto degli inevitabili disagi nelle abitazioni e negli esercizi commerciali, il blackout che ha lasciato al buio Leuca per più di 90 minuti ha, però, creato un’atmosfera “particolare” tanto che qualcuno (su Facebook) ha proposto “dieci minuti di blackout al giorno per permettere di ammirare il paesaggio leucano illuminato dal chiarore lunare”. Nella serata di ieri, proprio nei pressi del lungomare, l’associazione Lampus aveva organizzato una concerto rock e blues: Mark Hanna e il suo gruppo si sono esibiti in un contesto reso ancora più magico proprio dal buio.

Pubblicità