Maratonina “Salento d’amare”, a Parabita vince la solidarietà. Emozioni con gli “Amici di Nico” e la sfida di Silvia Furlani

2337

Parabita – Successo di pubblico ed emozioni per la 20^ edizione della Maratonina “Salento d’Amare” di Parabita. Accanto ai vincitori della sfida agonistica, Emanuele Coroneo e Paola Bernardo, un posto d’onore spetta alla 58enne ex maratoneta Silvia Furlani, da Udine, che ha sfidato la sclerosi multipla riuscendo a tagliare il traguardo partendo alle 6 del mattino. Dopo aver girato il mondo partecipando al cammino di Santiago e alla Maratona di New York, quest’anno la friulana ha scelto la Maratonina organizzata dalla Podistica Parabita per dimostrare a se stessa e agli altri come ci si può confrontare con una malattia terribile.

Tra gli agonisti, a tagliare per primo i traguardo di via Coltura è stato Emanuele Coroneo (01:17:03 il suo tempo) tesserato con “La Mandra Calimera ” seguito da Daniele Leggio dell’Asd Tre Casali e Rosario Graziano Petracca della Podistica Magliese. Per le donne, invece, primo posto Paola Bernardo dell’Asd Amatori Corigliano (01:28:59), seguita da  Pamela Greco (di Casarano) della “Saracenatletica” di Collepasso e Francesca Mele del “Club Corre Galatina”. L’evento è stato curato come sempre dall’associazione sportiva dilettantistica “Podistica Parabita”, presieduta da Antonio Leopizzi, ed ha attraversato i territori di Parabita, Alezio, Sannicola e Tuglie.                             

Tra gli eventi collaterali c’è stata la camminata veloce non competitiva “Running and walking to Rosa” lungo un percorso di 10 Km che ha permesso di raccogliere fondi per la  ricerca sul cancro a favore dell’associazione “Angela Serra – Italia Memma Ferrari” di Parabita. Altra partecipazione speciale quella del Centro servizi per l’Autismo “Amici di Nico” Onlus di Matino, guidato dalla presidente Maria Antonietta Bove, che ha aderito all’invito per favorire l’inclusione sociale dei suoi ragazzi attraverso il progetto “Vivi la città”: i ragazzi, infatti, hanno potuto percorrere un chilometro e mezzo del percorso con il supporto degli educatori e delle loro famiglie. La mattinata è stata caratterizzata dalla presenza dei“Volontari del sorriso” del gruppo“Pacer – gli originali” i quali si sono messi a disposizione dei corridori per tenere alto il buonumore e tagliare il traguardo in allegria, dimenticando fatica e tensioni.

Il presidente «Abbiamo vissuto una grande giornata all’insegna dello Sport.  Ringrazio tutti i volontari che si sono prodigati per la buona riuscita della manifestazione» afferma il presidente  Leopizzi. Agli atleti che hanno preso parte al percorso della  Maratonina sono state consegnate delle  medaglie realizzate in legno d’ulivo, a cura  dell’erbanista parabitano Carlo Antonio Nicoletti.