Maratona di solidarietà per il Natale a Tuglie con l’associazione “Bene comune”

665
I Consiglieri comunali del gruppo “Bene Comune Tuglie”: da sinistra Valentina Serini, Alessandra Moscatello e Gianpiero Pisanello

Tuglie – Avviata lo scorso 23 novembre, proseguirà sino al 5 gennaio la maratona di solidarietà promossa a Tuglie dall’associazione politico-culturale “Bene comune”. “Un Natale di solidarietà” con “La spesa sospesa” e “Un pasto sospeso” si propongono di coinvolgere le attività commerciali del paese al fine di devolvere il ricavato raccolto presso la Caritas della parrocchia Maria Ss. Annunziata oppure presso le suore Santa Gianna Beretta Molla presenti a Tuglie.

Lorenzo Longo

«Per partecipare all’iniziativa basta andare in una delle attività commerciali aderenti (è visibile un manifesto di adesione all’ingresso), lasciare la propria spesa acquistata nel carrello o, in alternativa, lasciare una piccola offerta che si trasformerà in buono. In alternativa – spiega il presidente Lorenzo Longo – per partecipare ad “Un pasto sospeso” basta recarsi nelle due attività aderenti e lasciare la propria offerta in base ai pasti che si vogliono donare. Eccezionalmente, grazie  all’immensa disponibilità dei titolari di queste due attività commerciali, il costo di un pasto (comprendente un primo e un secondo) è pari 2,50 euro».

«Dopo il grande successo di adesioni avuto in occasione del lockdown di marzo-aprile – fanno sapere i consiglieri comunali Alessandra Moscatello, Gianpiero Pisanello e Valentina Serini – abbiamo deciso, insieme al direttivo e ai soci dell’associazione, di ripristinare questa iniziativa di solidarietà volta ad aiutare tante persone in difficoltà della nostra comunità. Attualmente, in questo periodo di profonda crisi, ci sono nuove figure da dover aiutare che, per dignità e discrezione, non avanzano nessuna richiesta. Qui, la nostra associazione interviene per garantire a tutti una tranquillità almeno per quanto riguarda la spesa quotidiana. Vogliamo ringraziare tutti i cittadini di Tuglie per la grande generosità dimostrata; tutte le attività commerciali aderenti all’iniziativa; la Caritas parrocchiale di Tuglie con don Maurizio Pasanisi e il diacono Salvatore Notaro, le suore di Santa Gianna Beretta Molla per il grande e incessante lavoro che compiono con silenzio e discrezione sul territorio comunale».