Specchia – Ha ora anche una sede l’associazione “Casa di Noemi” a Specchia. L’idea avuta dalla madre della ragazza tragicamente scomparsa (a 14 anni) il 3 settembre del 2017 trova ora concretezza presso il Centro polivalente del Comune. “M’ama non m’ama” è il tema della manifestazione organizzata per l’occasione venerdì 16 novembre, alle 19, nella chiesa dell’ex convento dei Francescani Neri. Saranno di casa Imma Rizzo e Benedetta Durini, rispettivamente madre e sorella di Noemi. Non si può certo dire che la signora Imma non sia stata di parola visto che, sin da subito, ha manifestato più volte l’intenzione di dedicare tempo, impegno e passione per far si che storie simili a quella della figlia non abbiano a ripetersi. Almeno dando ascolto e diventando un punto di riferimento per chi rischia di vivere il ruolo di vittima in storie di amori violenti. Questo si propone di fare la “Casa di Noemi” all’interno della quale Imma Rizzo ha già avuto modo di farsi sentire e notare partecipando a vari  eventi e manifestazioni per tenere vivo il ricordo della figlia e portare testimonianza. «Questo era un impegno assunto e ora portato a termine. Ci siamo e ci saremo. Chi vorrà potrà venire a trovarci, per iscriversi alla nostra associazione o anche solo per parlare, dialogare e sfogarsi», fa sapere la signora Rizzo.

Ospite la criminologa Roberta Bruzzone All’iniziativa di venerdì 16, patrocinata dall’ufficio Pari opportunità della Provincia di Lecce, dal Comune di Specchia e dalla cooperativa sociale Astrea, parteciperanno il sindaco Rocco Pagliara, la consigliera di Pari opportunità della Provincia Filomena D’Antini e la consulente filosofica Graziella Lupo Pendinelli. Ospite della serata, moderata dalla giornalista Ilaria Lia, sarà la criminologa Roberta Bruzzone che presenterà il suo ultimo libro “Io non ci sto più”, ovvero “Consigli pratici per riconoscere un manipolatore affettivo e liberarsene” come recita il sottotitolo del volume edito da D’Agostini. Per ora l’associazione sarà aperta il venerdì dalle 17.30 alle 18.30.

Pubblicità

Commenta la notizia!