“Maje Noscia” da lista elettorale ad associazione: alla guida Antonio Refolo

810
Antonio Refolo

Maglie – L’obiettivo rimane sempre quello ripetuto durante tutta la campagna elettorale: “Maglie sarà bellissima”. Candidato Sindaco e candidati consiglieri della lista Maje Noscia speravano di realizzare l’obiettivo da amministratori della città. Non ce l’hanno fatta, ma ora rilanciano con un progetto inclusivo: Maje Noscia è diventata un’associazione.

«Dopo le elezioni – dichiarano dal gruppo, rivolgendosi ai cittadini – la cosa che più di tutte ci avete chiesto in tanti è stata: “Avete perso, ma adesso non vi perdete”. Non avevamo bisogno di troppi pungoli per fare ciò che intimamente tutti noi eravamo orientati a fare. Non avevamo la minima intenzione di lasciare il campo, perché se l’idea di Maje Noscia è nata, l’ha fatto con l’obiettivo di restare».

Avviare un movimento di aggregazione

Si è costituita così l’associazione che «col sostegno e l’impegno di tutti si affermerà come un elemento centrale della società magliese, per essere attiva nei più svariati ambiti: sociale e solidarietà, arte e cultura, ambiente e paesaggio, turismo e attività ricreative, formazione e attività educative, con iniziative improntate ai principi di legalità, pace, non violenza, e difesa dei diritti di tutti» spiegano da Maje Noscia.

Concetti ribaditi dal presidente Antonio Refolo, candidato Sindaco della lista Maje Noscia e ora capogruppo dell’opposizione in Consiglio comunale. «Ce lo ha chiesto la città – afferma Refolo. – L’associazione sarà aperta al contributo di tutti coloro che vorranno condividerne i fini statutari per realizzare un movimento che sia di aggregazione, centrale nella società e presente in ogni ambito».

Fanno parte del direttivo di Maje Noscia Roberto Aloisio, Luca Andriani, Gianluca Catalano, Lalla Cesari, Enrica Cillo, Marco Grassi, Tatta Lanzilotto. Sindaco revisore è Stefano Stefanizzi; vice presidente Antonio De Jaco.

Social per una comunicazione più ampia

«Sarà un’associazione aperta – aggiunge il presidente –, fondamentale per il necessario raccordo con l’azione amministrativa dell’ente Comune: darà e riceverà, riceverà e darà proposte, consigli, approfondimenti azioni».

L’emergenza Coronavirus rende tutto più difficile: non potendo incontrarsi, bisognerà servirsi dei mezzi messi a disposizione dalla tecnologia. Hanno cominciato a farlo i cinque consiglieri comunali di Maje Noscia, che dopo ogni Consiglio diffondono sui social un report puntuale di quanto avvenuto durante la seduta.

Ognuno può seguire lo svolgimento del Consiglio in streaming e successivamente valutare la correttezza dell’informazione diffusa dai consiglieri di Maje Noscia.