Maglie, scomparso Nunzio Pacella, instancabile intellettuale e scopritore: dalla Grotta dei cervi alla enogastronomia

1421

Maglie – Si terranno domani alle 16, presso la chiesa dell’Immacolata, i funerali di Nunzio Pacella, “giornalista foody, archeogastronomo  del Salento”, come si definisce sul suo blog “Casapacella”. Aveva 72 anni.

Si dice  che quando scompare un anziano si distrugge una biblioteca: è certamente così nel caso di Nunzio Pacella, talmente piena è stata la sua vita di voglia di conoscere, sorretta da una cura sistematica nel custodire materiale documentario, cartaceo e fotografico.

Dai giornali scolastici alla Gazzetta Le prime esperienze giornalistiche nel liceo Capece con i giornali d’istituto, poi “Sabato 4 e un quarto” del Movimento Studenti e via via l’impegno giornalistico e civile di Tempo d’oggi dal 1974 al 1980, anni in cui si combattevano grandi battaglie per la tutela dei beni archeologici e naturali del territorio (la difesa dalla speculazione edilizia della Grotta dei cervi di cui Nunzio era uno scopritore, e ancora il naufragio della Cavtat con il suo carico velenoso, la scoperta della laura basiliana a Maglie che egli fotografò). L’archeologia e la fotografia erano le sue grandi passioni.

Negli ultimi anni, dopo l’esperienza nella Gazzetta del Mezzogiorno, Belpaese e Salento in tasca, aveva manifestato un grande interesse per l’enogastronomia, per i prodotti della terra, per le qualità e le tecniche di produzione.

Aveva sete di conoscenza e generosità nel far partecipare gli altri alla mensa delle sue acquisizioni, completamente libero da invidia e da inutili competizioni che spesso regnano nel mondo giornalistico. Aveva un archivio fotografico notevole (frutto anche della conoscenza del territorio approfondita nel corso del suo lavoro nel turismo) che ha messo a disposizione di chi ne faceva richiesta.

Casapacella Da qualche anno curava un suo blog “Casapacella Cose buone dalla Puglia ”, che è diventato un archivio di tradizioni, sagre, cronache gastronomiche, feste patronali, modi di dire, storie di tutta la Puglia.  A maggio scorso, nel contesto della festa patronale di San Nicola, aveva ricevuto una targa di riconoscimento alla carriera.

Le reazioni alla notizia della sua scomparsa sono state immediate e si sono diffuse già alle prime ore del mattino sui social.  Attestazioni di amicizia, di stima, un unanime ringraziamento per quanto fatto in questi anni per Maglie e il Salento.

Anche l’Amministrazione comunale in un comunicato scrive:  «L’Amministrazione comunale, vivamente commossa, esprime sentimenti di cordoglio per la perdita del giornalista Nunzio Pacella. La sua saggezza, la vitalità delle sue idee, la sua passione per le tradizioni e la cultura del territorio costituiscono il suo importante lascito alla comunità magliese da cui sempre è stato apprezzato e ben voluto».