Maglie, al liceo Capece gara di traduzione sui testi di Sofocle

2055
Il liceo Capece

Maglie – Sesta edizione dell’Agòn lyrikòs l’11 e il 12 aprile al liceo classico Capece: si tratta di una gara di traduzione poetica dai lirici greci a cui partecipano studenti degli ultimi due anni dei licei classici italiani che hanno riportato voti non inferiori di 8/10 in greco. L’Agòn è intitolato a Francesca Capece, che ha lasciato in eredità a Maglie i suoi beni consentendo la nascita del liceo a lei intitolato.

L’edizione 2019 avrà per oggetto la traduzione metrica o in versi liberi di uno o più brani tratti dai canti corali delle tragedie “Antigone”, “Edipo re” e “Edipo a Colono” di Sofocle. La traduzione sarà corredata da un commento al testo ed eventualmente da una “nota del traduttore” che motiverà le scelte effettuate. All’Agòn, che ha il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, del Comune di Maglie e della Fondazione Capece, partecipano i licei classici della provincia di Lecce e il “De Santis” di Manduria.

Il programma.  Giovedì 11 aprile, dopo l’accoglienza delle varie delegazioni e la registrazione degli studenti, inizierà la prova di traduzione, che proseguirà fino alle 15. A seguire, inizierà la correzione della prova da parte della commissione formata dal presidente Piero Totaro (ordinario di lingua e letteratura greca e direttore del Dipartimento di scienze dell’antichità e del tardoantico presso l’Università “Aldo Moro”di Bari) e dai commissari Adele Filippo e Saulo Delle Donne, di Unisalento.

La mattina del 12 aprile, nell’aula magna intitolata a Nicola De Donno, dopo i saluti istituzionali della dirigente del liceo Gabriella Margiotta, del presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, del Sindaco di Maglie Ernesto Toma e del presidente della Fondazione Capece Rossano Rizzo ci sarà la lectio magistralis del prof. Piero Totaro su “La lirica della tragedia greca: qualche riflessione”. Seguirà la cerimonia di premiazione.

Gabriella Margiotta

Il valore della gara viene sottolineato dalla dirigente Gabriella Margiotta. Fu lei, sei anni fa, a istituire l’evento, su sollecitazione della docente Marilena Magurano: «Una gara, soprattutto in ambito scolastico, ha valore educativo se non si limita a una vuota competizione, ma è momento d’incontro e di confronto, di autoconsapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti, nel tentativo di migliorarsi, di affinare le proprie capacità: l’Agone ha soprattutto tali finalità e intende farsi espressione di un territorio che per natura e tradizione privilegia l’incontro e lo scambio culturale».

Cultura per promuovere il territorio. Non bisogna dimenticare anche un altro aspetto collegato alla promozione del territorio ed evidenziato dalla dirigente. «La confluenza a Maglie di studenti e docenti provenienti da licei italiani e stranieri è occasione per diffondere la conoscenza del territorio salentino, ricco di storia, cultura, bellezze artistiche e naturali, da preservare e promuovere».