Maglie, al “Lanoce” un incontro sulla violenza di genere e in rete

814

Maglie – L’istituto “Lanoce” continua con i suoi studenti il percorso di educazione alla cittadinanza responsabile e alla legalità. Rientra in questo contesto l’incontro-dibattito di sabato 7 dicembre dal titolo “Formare per fermare: Codice rosso, violenza di genere e violenza in rete”.

L’appuntamento è alle ore 10 presso l’aula magna dell’istituto.

Giovanni Casarano

Il programma

L’incontro vedrà gli interventi del dirigente Giovanni Casarano; di Antonio De Donno, Procuratore della Repubblica di Brindisi; e di Eugenio Cantanna, responsabile della Polizia giudiziaria della Procura di Brindisi. I relatori approfondiranno le novità introdotte dalla recente Legge n. 69 del 19 luglio 2019 sul Codice rosso e sui comportamenti illeciti di cui possono essere autori o vittime i giovani internauti navigando in rete.

La legge Codice rosso, entrata in vigore dal 9 agosto scorso, contiene alcune novità, fra cui l’avvio più rapido del procedimento penale per alcuni reati: maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale. Di conseguenza, saranno più celeri eventuali provvedimenti a protezione delle vittime. Una novità riguarda la diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate (“revenge porn”), reato punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 5mila a 15mila euro.

Obiettivi

«L’incontro ha lo scopo di sensibilizzare gli studenti sull’uso consapevole della rete e di far conoscere loro i rischi e i danni che possono derivare dall’uso inconsapevole» sottolinea il dirigente Giovanni Conversano.

«Il tutto nell’ottica che la prevenzione nasce dalla formazione; proprio da questa considerazione deriva il titolo del progetto “Formare per fermare”. L’iniziativa fa parte di un più ampio percorso di educazione alla cittadinanza responsabile e alla legalità» conclude Casarano.

Altri progetti sullo stesso tema

L’incontro del 7 dicembre si inserisce in una serie di progetti che hanno l’obiettivo di prevenire atteggiamenti violenti.

Fra questi “Lo specchio di Biancaneve. Miti moderni e stereotipi di genere”, promosso da Dirscuola/Anp, finanziato dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito delle azioni rivolte alla prevenzione e al contrasto alla violenza sulle donne anche in attuazione della convenzione di Istanbul.

E poi “Via delle donne”, progetto sostenuto dal Bando Donne di Fondazione con il Sud 2017; il laboratorio “La forza degli stereotipi” e il progetto “Antibullismo”, nell’ambito del più ampio percorso “Promozione della legalità e del benessere nella Città di Maglie”, in rete con il Comune di Maglie e le altre scuole del territorio.