Leuca “frontiera di pace”: sul santuario il “Peace mob” per preparare il sinodo dei vescovi del Mediterraneo a Bari con Papa Francesco – IL VIDEO

453

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) – Emoziona il brano “Freedom” intonato nei giorni scorsi sul santuario di Leuca dalle voci dei ragazzi dell’istituto comprensivo “V. De Blasi” di Gagliano del Capo e di Castrignano del Capo.

L’inno alla libertà tanto caro a don Tonino Bello ha coinvolto l’intera comunità scolastica, con la dirigente Pamela Maria Luigia, radunata sul piazzale del santuario De finibus terrae per il “PeaceMob – Mediterraneo, frontiera di pace” in preparazione del sinodo dei vescovi del Mediterraneo che domenica mattina verrà chiuso da Papa Francesco.

A Bari il sinodo dei vescovi con Papa Francesco

Alla manifestazione organizzata dalla Fondazione di partecipazione – Parco culturale ecclesiale “Terre del Capo di Leuca – De finibus terrae”, tra le iniziative della “Carta di Leuca”, hanno partecipato il coro e l’orchestra scolastica insieme all’orchestra giovanile del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, alla presenza del vescovo Vito Angiuli.

«Il PeaceMob ha inteso sensibilizzare l’attenzione pubblica non solo sull’evento di Bari, ma sul “Mare nostrum”, con tutte le sue potenzialità di convivialità, ma anche con tutte le sue contraddizioni di conflitto. Cantare “Freedom” – spiegano i promotori – ha significato cantare, al cuore del Mediterraneo e dei popoli da esso bagnati, che la pace è la vera premessa per la libertà e per un futuro di fraternità universale, dove il dono e il perdono abbiano l’ultima parola sull’egoismo e sul conflitto».

Il video esalta la bellezza di Leuca, con il faro e il santuario prospicente sul Mediterraneo, “frontiera di pace”.