Leonardo La Puma a tre anni dalla morte, un convegno (on line) per ricordare l’ex sindaco di Presicce

701

Presicce-Acquarica – Un convegno on line per ricordare, a tre anni dalla morte, Leonardo La Puma, docente presso l’Università del Salento e già sindaco di Presicce. “L’eredità di Mazzini nel pensiero politico femminile europeo. Il contributo di Leonardo La Puma” è il tema dell’incontro proposto dal “Centro studi Leonardo La Puma” per giovedì 25 marzo alle ore 16 (in streaming sul canale Youtube “Netapprendere” e sulla pagina Facebook del Centro studi). La frequenza sarà pure valida per l’acquisizione di ore di seminari obbligatori per gli studenti dei corsi di laurea in area pedagogica.

L’incontro, moderato dal docente di UniSalento Natale Vescio, permetterà di presentare il bando del “Premio di laurea Leonardo La Puma” per la migliore tesi di laurea sulle pubblicazioni del docente, malato di Alzheimer, scomparso il 5 febbraio del 2018. Esporrà l’iniziativa Anna Cesi La Puma, presidente del Centro studi, moglie del compianto professore.

L’incontro

Leonardo La Puma e Anna Cesi

Durante la serata verrà pure presentato il volume “Socialismo, federalismo e repubblicanesimo negli studi di Leonardo La Puma”, atti del convegno del 6 febbraio 2020 con Salvatore Colazzo dell’Università del Salento e Massimo Ippazio Ciullo del Centro studi La Puma.

Per i saluti istituzionali interverranno il rettore dell’Università del Salento Fabio Pollice; il direttore del Dipartimento di Storia società e studi sull’uomo dello stesso ateneo Mariano Longo; il presidente dell’associazione degli Storici delle dottrine politiche dell’Università di Pisa Claudio Palazzolo; la presidente del “Comitato scientifico Salvatore Morelli” Ginevra Conti Odorisio, dell’Università degli Studi di Roma Tre.

Le relazioni saranno dei docenti Fiorenza Taricone con un intervento sul tema “Mazzini e il vincolo dell’associazionismo”; Anna Rita Gabellone con “L’eredità di Mazzini nell’antifascismo”; Rossella Bufano con “Educazione alla cittadinanza nella mazziniana Gualberta Alaide Beccari”.