L’Aro per i rifiuti non sarà un carrozzone

1834

il sindaco di Parabita Alfredo Cacciapaglia

PARABITA. Nessun “nuovo carrozzone istituzionale per la distribuzione di incarichi e consulenze”: è chiaro il sindaco Alfredo Cacciapaglia nel commentare la recente nomina a presidente dell’Ambito di raccolta ottimale dei rifiuti.

«Parabita si farà promotore di formule innovative per il recupero e la valorizzazione dei rifiuti con l’obiettivo di rendere più efficiente ed economico il servizio individuando un gestore unico per tutti i Comuni», ha affermato il Sindaco. La sua nomina ha, infatti, conferito automaticamente il ruolo di “capofila” a Parabita nell’Aro n.9 che comprende anche Casarano, Matino, Ruffano, Montesano Salentino, Specchia e Miggiano.

«Ringrazio i colleghi sindaci – ha spiegato Cacciapaglia – per la fiducia accordatami e per aver individuato in Parabita, unico Comune che è stato in grado di espletare autonomamente una gara nel periodo di transizione, un valido punto di riferimento per lo svolgimento delle funzioni associate».

Proprio a Casarano, comune già capofila del precedente Ato ed il più popoloso anche del nuovo Ambito, ci sono state polemiche per la mancata riconferma: le minoranze (di centro-sinistra) hanno parlato di “sonora bocciatura” per la città mentre il sindaco Gianni Stefàno (Pdl) si è difeso affermando che il presidente resterà in carica appena due anni e che, dopo il bando, “ogni comune avrà rapporti diretti con l’azienda designata”.