La tradizione della pastorale gallipolina in un libro del maestro Enrico Tricarico

982
Enrico Tricarico (foto di Frank Koijmann)

Gallipoli – Il Natale sarà accompagnato dalla seconda edizione del libro “Le pastorali gallipoline” a cura del musicista Enrico Tricarico (di Gallipoli).

Il volume, uscito in prima edizione nel 2018, è edito da Glissato edizioni e si potrà acquistare nei prossimi giorni in formato cartaceo sul sito glissato.it e in ebook sui principali digital store. Il libro è realizzato nell’ambito del progetto “Musica divina”, promosso dalla Pro loco di Gallipoli con il contributo della Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese.

Le novità della seconda edizione

Il progetto “Musica divina” è a sua volta inserito nella programmazione “Custodiamo la cultura in Puglia” e nasce con la collaborazione della parrocchia Sant’Agata di Gallipoli e del Comune.

Oltre alle cinque pastorali del Settecento già pubblicate, in questa nuova edizione sono presenti le tre “Pastorelle” del compositore gallipolino Vincenzo Alemanno (1827-post 1913). Nella prima “Pastorella” di Alemanno si rintracciano i motivi che formano l’odierna tradizionale pastorale gallipolina, immancabile colonna sonora del Natale.

Accanto allo studio e all’analisi documentaria e musicologica di Enrico Tricarico, il volume comprende le relazioni di Dinko Fabris, musicologo del conservatorio di Napoli e già presidente della International musicological Society; don Antonio Parisi, compositore, liturgista e membro della Cei per la musica sacra; Emanuele Fontana, grafologo del Tribunale e della Procura della Repubblica di Bari; Elsa Martinelli, musicologa del Conservatorio di Lecce; e Giacomo Sances, musicologo. Interventi che fanno risalire l’origine della tradizionale pastorale gallipolina a Vincenzo Alemanno, come già scoperto da Enrico Tricarico.

Presto anche un cd

All’interno del libro trovano posto tutte le pastorali per strumento a tastiera, trascritte inoltre per orchestra d’archi. La raccolta è poi arricchita da una “Tarantella pizzicata” di Tricarico, un’aggiunta motivata dal fatto che pastorale e tarantella hanno la stessa matrice musicale ma caratteri differenti. “La pastorale è musica povera, ma ricca di storia – afferma Enrico Tricarico. – Le musiche del presente volume testimoniano una rigogliosa, colta e pregevole esperienza musicale che Gallipoli ha vissuto”.

Oltre al libro, prossimamente uscirà il cd “Musica divina”: al suo interno le musiche dei compositori Vincenzo Alemanno e Giovanni Monticchio (1852-1931), le cinque pastorali “gallipoline” di autore ignoto del 700 a cui è legata una Tarantella pizzicata e il celebre “Antidotum tarantulae”, dello scienziato e gesuita Athanasius Kircher.

Due brani di Domenico Zipoli, per organo solo, permettono di apprezzare le qualità dell’organo Chircher, mentre le ultime tre tracce speciali, con musiche di Alfredo Dongiovanni (1889-1968), Luigi Provenzano (1894-1965) e Vincenzo Alemanno, testimoniano la tradizione liturgica gallipolina ancora oggi vissuta con devozione.