La scomparsa di Felice Moro: Galatone e il Salento perdono un appassionato e poliedrico intellettuale di questa terra

865

Galatone – Galatone ha perso nei giorni scorsi il professor Felice Moro, storico cultore di giornalismo, antropologia e archeologia, e docente di Educazione fisica, per anni, presso il Professionale di Gallipoli. La sua scomparsa ha suscitato una diffusa commozione oltre gli ambiti cittadini, per la sua passione e l’amore verso la storia, anche la più remota, di questa terra.

Lo ha ricordato anche l’Amministrazione comunale in una nota pubblica. “Galatone deve a lui la scoperta e lo studio della neolitica Grotta Cappuccini che scavò con i professori Cremonesi e Ingravallo. A lui – scrivono da Palazzo dei Domenicani ricordando l’intellettuale novantenne – si devono le segnalazioni ufficiali del Villaggio Costante e del Menhir Coppola. Affascinato da Fulcignano, ne indagò le controverse origini”. Dotato di una personalità poliedrica, Moro fu anche presidente dell’Unione sportiva Galatone.

Grande viaggiatore ed esploratore 

“Galatone perde un’importante figura culturale. La curiosità per le cose della sua terra – scrive il Sindaco Flavio Filoni – lo spinse ad interessarsi poi delle cose del mondo. Grande viaggiatore, esploratore delle terre più a nord dell’Europa, innamorato della Lapponia. Un abbraccio alla sua famiglia da parte della comunità galatonese”.