La “Scatola di latta” riscopre Vitigliano

1700

VITIGLIANO (SANTA CESAREA TERME) – C’è qualcuno ancora che usa le scatole di latta per conservare lettere, fiori secchi, piccole bomboniere, tracce tangibili di ricordi e di storie che non si vogliono dimenticare? Probabilmente sì, anche se a volte si  ha pudore a confessarlo, come se custodire fosse una debolezza. E invece è una forza. Se qualcuno avesse dei dubbi chieda conferma  all’associazione  “La scatola di latta” che va alla ricerca di “segni” da custodire  in tutto il Salento ascoltando storie talvolta dimenticate e riproponendole  alle nuove generazioni. Il prossimo tesoro da tutelare si trova a Vitigliano dove per domenica 26 novembre l’associazione ha organizzato una escursione nella memoria. Sarà la Casa del Tabacco, in particolare  ad offrire spunti di riflessione, ma c’è tanto da scoprire e custodire sotto la guida del “custode sociale” Gianluca Palma, punto di riferimento a volte di gruppi molto numerosi (fino a un centinaio di persone). Domenica prossima, quindi, gli affezionati delle escursioni nei ricordi della “scatola di latta” si raduneranno a Vitigliano  alle 15.30 presso  “La gru”  il laboratorio  artigianale di Maria Rosaria e Annalisa, due ragazze  che dalla loro passione per l’artigianato artistico hanno creato un  marchio “Emozioni in libertà la gru”. Le loro creazioni originali daranno una anticipazione del clima natalizio. Poi si andrà a visitare il Museo degli orologi e  la Casa del tabacco, una vecchia manifattura di tabacco,  ora dimora storica,  Fu costruita a cavallo tra l’Ottocento e il primo Novecento e per parecchi anni ha ospitato la lavorazione del tabacco, per decenni lavoro e reddito per interi paesi agricoli.  Il percorso continuerà con la visita di un’azienda agricola dove c’è il presidio del pisello di Vitigliano, di una neviera (che i residenti chiamano “cisternale”) e infine del monumento dedicato a Carmelo Bene i cui genitori erano proprio di Vitigliano. La “Scatola di latta” continua a raccogliere memorie da custodire: sono più di 40 i paesi visitati. “Non esistono paesi in cui non c’è niente da vedere” dice Gianluca Palma  che si propone di far scoprire le risorse nascoste del Salento fuori dai soliti itinerari turistici. I prossimi appuntamenti tutti da raccontare saranno a Taurisano  (3 dicembre) e a Gallipoli (10 dicembre). Informazioni  su Facebook (https://www.facebook.com/apslascatoladilatta), scatoladilatta2014@gmail.com, cellulare 339/5920051.