La regata si fa ecologica: contro l’inquinamento del mare “il riciclo naviga” con le scuole

1259

Torre Vado – Ripulire le spiagge e riscoprire la creatività in una sfida di riciclo creativo: sono gli ingredienti del progetto “Il riciclo che naviga”, messo a punto dalla Lega Navale di Torre Vado, in collaborazione con la Lega Navale di Santa Caterina e con il coinvolgimento delle scuole elementari e medie del territorio. Presentato domenica nel corso di una conferenza stampa alla presenza di Ada Carolina Coluccello (presidente Lega Navale di Torre Vado), Massimo Congedo e Luca Novembre (entrambi della Lega di Santa Caterina), il progetto si struttura in due giornate programmate per mercoledì 23 maggio e sabato 2 giugno.

“Avvicinare i ragazzi alla cultura del mare e sensibilizzarli verso stili di vita ecosostenibili è l’obiettivo dell’iniziativa”, spiega Ada Carolina Coluccello. “Grazie al sostegno del delegato regionale della Lega Navale, lavoreremo per portare il progetto anche in altre scuole pugliesi. Già quest’anno il riscontro è stato ottimo: 160 i bambini partecipanti nel territorio di Acquarica, Presicce, Salve, Morciano, Patù; 280 a Nardò”.

Nella mattinata del 23 maggio (a partire dalle 8:30), i ragazzi verranno accompagnati in spiaggia, dove dovranno raccogliere materiali di scarto utili per la costruzione di una barca a vela. Ogni squadra sarà chiamata a suddividere i rifiuti raccolti per tipologia (plastica, legno, carta, vetro, metallo), dando così prova della propria conoscenza dei criteri della raccolta differenziata. L’evento si svolgerà simultaneamente in due location distinte: presso la spiaggia di Torre Vado si daranno appuntamento le prime medie di Acquarica, Presicce, Morciano, Salve, Patù e una quarta elementare di Morciano; a Nardò, in località Frascone, si ritroveranno invece una quarta, due quinte elementari e una prima media del 2° e 3° polo di Nardò.

Dopo la raccolta dei materiali di scarto, a scuola (durante l’orario didattico) i ragazzi lavoreranno alla costruzione del prototipo di un’imbarcazione, che dovrà rispondere ad alcune caratteristiche: essere realizzata con l’utilizzo esclusivo di materiali di scarto e spago naturale (vietati collanti sintetici, pitture, nastro adesivo o prodotti di origine sintetica), non avere altri mezzi di propulsione oltre alla vela.

Le barche così costruite prenderanno il mare e si sfideranno in una regata il 2 giugno (dalle ore 9). Anche in questo caso, due le location: le squadre di Acquarica, Presicce, Salve, Morciano e Patù si sfideranno presso le Maldive del Salento, a Pescoluse; mentre le squadre di Nardò gareggeranno sulla spiaggia di Santa Maria al Bagno. Il premio (che si è deciso di dedicare alla memoria di Renata Fonte), mette in palio medaglie, il tesseramento alla Lega Navale e una giornata di familiarizzazione con la barca a vela.